«Per ora i nuovi pozzi hanno evitato la crisi»

Dopo l'emergenza idrica dell'anno scorso l'amminstrazione è corsa ai ripari. Il sindaco: «Ma se continua a non piovere situazione difficile»

Situazione di stallo a Tradate per quanto riguarda l’acqua. Al momento non c’è carenza idrica, ma le falde sono basse e se dovesse continuare a non piovere la situazione potrebbe peggiorare. Il sindaco Stefano Candiani assicura che non siamo ai livelli dell’anno scorso, quando mancò l’acqua persino all’ospedale Galmarini: «Il nostro acquedotto, ora, è in rete anche con Venegono Inferiore e Lonate Ceppino – spiega il primo cittadino -. Inoltre, in questi mesi abbiamo effettuato diverse opere di pulizia dei pozzi esistenti e sono stati messi in rete nuovi pozzi che portano nell’acquedotto altri 40 litri al secondo».
Nessun problema assicurano dal Comune per la piscina che aprirà a giugno: è stato scavato un pozzo nelle vicinanze che offre 8 litri al secondo, di cui uno servirà a rendere autonoma la struttura, il resto finirà nella rete. «Per ora non è stato necessario prendere provvedimenti per regolare l’uso dell’acqua – conclude Candiani -, ma ai cittadini naturalmente si chiede di evitare gli sprechi: un uso responsabile dell’acqua deve diventare un’esigenza di buon senso».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.