Piromani, Candiani chiede aiuto: “Il Prefetto ci difenda”

Brucia il parco Pineta e non si riesce a individuare gli attentatori che stanno sfidando l'amministrazione. Parla il sindaco

"Qualcuno ci aiuti, la situazione è diventata molto grave, ci stanno incendiando tutto il parco". Stefano Candiani è proeccupatissimo e da primo cittadino rivolge un appello al prefetto Aragno: "Chiediamo che le autorità territoriali raccolgano il nostro grido di preoccupatissimo dolore, il prefetto sarà a Tradate sabato per inaugurare le sede del nuovo corpo forestale dello stato e in quella sede gli rivolgerò pubblicamente un appello a intesificare gli sforzi per difenderci da queste azioni che orami sono diventate assolutamente straordinarie".
Il nuovo rogo al Parco Pineta, avvenuto oggi, è il secondo in meno di una settimana. Le fiamme si sono sviluppate in territorio di Tradate intorno alle ore 5 di venerdì mattina, nella zona verso Appiano lungo la via dei Ronchi, provenendo da Abbiate Guazzone in direzione Appiano Gentile, dopo il nuovo osservatorio.
Non vi sono case minacciate, ma il rogo è esteso: almeno tre i focolai appiccati, due dei quali hanno già divorato almeno 6 ettari di bosco.
Alle 12 il terzo è stato spento grazie all’intervento dei volontari e ai sentieri tagliafuoco, gli altri due sono ancora in fase di controllo.
La cenere prodotta dall’incendio è scesa anche a Tradate. Sul posto stanno oprando, dalle cinque di venerdì mattina, diverse squadre di volontari del Parco Pineta, oltre al Corpo Forestale dello Stato e ad un elicottero che sta cercando di arginare le fiamme.
Si tratta del quarto incendio doloso che colpisce il Parco Pineta in meno di un mese. Non si sa ancora se a operare sia stata sempre la stessa mano, o si tratti di emulatori.

Galleria fotografica

Incendio Parco Pineta 4 di 12
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Incendio Parco Pineta 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.