Pro Patria-ladri 0-2

A due riprese malviventi saccheggiano e danneggiano la sede deilla società biancoblu: tra lunedì e mercoledì notte spariscono tre pc e più di 700 euro

Non bastava un’annata di vacche magre sul campo: ora per la Pro Patria ci si mette pure l’allarme furti. La sede societaria è stata infatti "visitata" ben due volte in poche notti: la prima fra domenica e lunedì, quando sono stati rubati tre pc e le monetine dalle macchinette per il caffè, poi di nuovo la notte fra lunedì e martedì, quando sono spariti circa 700 euro in monete e materiali vari.

Nelle due occasioni, i ladri hanno spaccato tutte le porte interne forzandole con un piede di porco. Comprensibile lo sconforto dei vertici societari biancoblu, espresso dal presidente Alberto Armiraglio: «Incredibile, è una vergogna, una cosa davvero ignobile che si vada a colpire così, e per ben due volte, una società sportiva».

Un lavoro sistematico quello dei ladri, che hanno completato nella seconda tornata quanto non avevano potuto portare a termine nella prima occasione. Ogni ufficio è stato "visitato", ogni cassetto o armadio setacciato, ogni porta chiusa forzata. I malviventi con ogni probabilità sono entrati da dietro, dal cantiere dove sono in corso i lavori ferroviari per il collegamento Fs-Fnm e la nuova stazione di Castellanza. Nel cuore della notte, sfuggendo a telecamere (che riprendono solo due lati della sede) e custode, i malviventi hanno potuto portare a segno i loro colpi pressochè indisturbati, anche grazie all’assenza di particolari sistemi d’allarme. Ora sulla vicenda indaga la Polizia, mentre la società sta valutando quali provvedimenti prendere per meglio tutelare la sicurezza della propria sede: e nella giornata di ieri si è ancora dovuto lavorare sodo per rimettere ordine nel caos lasciato dai saccheggiatori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.