Rapine in banca, tre fermi

Gli inquirenti li hanno braccati sulla base delle segnalazioni giunte dai colleghi elvetici

Per essere dei rapinatori erano dei veri buongustai: si erano infatti specializzati in banche svizzere. Ciò non ha tuttavia evitato a tre banditi, residenti a Busto e dintorni, di incappare nelle manette della Polizia. Ieri, mercoledì 18 aprile, agenti del Commissariato di Polizia di Busto Arsizio hanno infatti identificato e arrestato il terzetto come responsabile nell’ultimo mese di tre rapine a mano armata in altrettanti istituti bancari posti oltreconfine per un bottino più che rispettabile: circa 300.000 euro complessivi in franchi svizzeri, dollari statunitensi e, ovviamente, euro.

All’individuazione dei tre si è giunti anche grazie a opportuni scambi informativi con i corrispettivi organi di polizia elvetici. L’indagine, complessa ed articolata, è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio nella persona del pm Valentina Margio, ed ha condotto ad un primo fermo, sia pure per altri reati, nei confronti di di uno dei tre, N.M. In seguito si è potuta accertare l’identità degli altri due complici, fino ad emettere tre decreti di fermo con l’accusa di rapina a carico del terzetto di banditi: ieri pomeriggio i tre erano tutti nelle mani della Polizia, che perquisendone le abitazioni ha rinvenuto 50.000 franchi svizzeri, 2.198 Dollari Americani e 5.000 euro, oltre a parrucche e ad altri materiali tuttora in esame.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.