“Riattivato” l’accordo per la delocalizzazione

Il Comitato per l'accordo di Programma Quadro Malpensa 2000 ha firmato il documento: ora la Regione potrà emanare entro maggio un nuovo bando

Il Comitato per l’accordo di Programma Quadro Malpensa 2000 ha firmato oggi, alla presenza dell’assessore al Territorio e Urbanistica della Regione Lombardia, Davide Boni, l’atto aggiuntivo attraverso il quale viene "riattivato" l’accordo per la delocalizzazione degli insediamenti residenziali inseriti nel Piano territoriale d’area di Malpensa.

L’integrazione si è resa necessaria anche per puntualizzare ulteriormente le problematiche relative all’inquinamento acustico, continuare l’azione di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico, per individuare eventuali situazioni di criticità ambientale, e definire altri interventi cosiddetti di "mitigazione ambientale".

Con questo atto integrativo la Regione potrà emanare entro maggio un nuovo bando (approvato oggi dal Comitato) per concludere la prima fase degli interventi di delocalizzazione degli immobili compresi nell’ambito territoriale del piano d’area.  

Il Comitato Malpensa 2000 ha approvato anche il piano operativo intermedio, che fissa le modalità operative per acquisire al patrimonio regionale gli immobili delocalizzati. Per questa operazione sono a disposizione 84 milioni di euro: «Una somma – ha detto l’assessore Boni – che permette di chiudere una prima fase e di avviarne una nuova, anche se non si tratta di fondi sufficienti. Malpensa, con lo sviluppo del suo scalo, è una realtà con la quale dobbiamo fare i conti e il nostro compito è quello di proseguire nella fase di delocalizzazione, raccogliendo e soddisfacendo le richieste dei cittadini».  

Apprezzamento per il lavoro svolto fin qui è arrivato anche dai sindaci di Somma Lombardo, Ferno e Lonate Pozzolo, che hanno sottolineato la determinazione e il pragmatismo adottati nel affrontare le problematiche collegate agli interventi di delocalizzazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.