Rubato il San Carlo giovane dalla chiesa, appello del parroco

La statua in marmo è sparita nella notte di mercoledì insieme ad altre tre. Parroco e cittadini chiedono la restituzione con un appello:«Siamo affezionati»

E’ stata rubata la sera di mercoledì 28 marzo scorso, dal sagrato della chiesa di San Sebastiano a Marzio, una statua raffigurante San Carlo Borromeo giovane, una scultura in marmo di Carrara dell’altezza di circa 80 cm alla quale gli abitanti di Marzio, piccolo centro della Valganna, sono molto affezionati. Insieme alla statua del santo sono state asportate anche tre statue decorative, di minor valore, da una casa che si affaccia sulla piazza. Sia il parroco che i cittadini hanno lanciato un appello dal sito della pro loco di Marzio (www.promarzio.com) affinchè chiunque sappia qualcosa di questa scultura informi le autorità e aiuti gli abitanti del paese a riavere la statua del santo. «Preghiamo tutti coloro che avessero notizie di informare i Carabinieri. – recita il comunicato del parroco – Nella speranza di poterla ritrovare alleghiamo una foto della statua a cui tutto il paese è affezionato».

La statuetta (nella foto) era esposta all’esterno della chiesa del paese in una nicchia della facciata, dietro una grata di ferro. I ladri sono riusciti a staccarla dalla base e a portarla via. Sul fatto stanno indagando i Carabinieri della stazione di Marchirolo i quali hanno già dei sospetti su un gruppo di ladri d’arte sacra. Sperando che il furto non sia avvenuto su commissione, quindi con la consegna immediata all’interessato della refurtiva, gli uomini dell’Arma sperano di cogliere in fallo i malviventi e restituire così la statua rapita alla comunità di Marzio. Anche il sindaco Michele Sartoris si unisce all’accorato appello chiedendone la restituzione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.