Sei vittime del lavoro in due giorni. Inas Cisl: servono nuove norme

Panero: indispensabili tutele mirate e una vera cultura della sicurezza

Per fare sì che non accada mai più, di dover contare sei morti bianche in due giorni, come è appena accaduto, per l’Inas– patronato della Cisl – è urgente un intervento al livello normativo, con un nuovo testo unico sulla sicurezza la cui approvazione, come sottolineato dal segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni, deve avvenire in tempi brevissimi.

La sicurezza dei lavoratori e la tutela di coloro che subiscono infortuni sono tornati in primo piano, dopo gli incidenti di questi ultimi giorni. E’ fondamentale, però, non dimenticare mai i diritti di chi lavora: “Per questo l’Inas s’impegna da sempre su due fronti, come spiega Giancarlo Panero, presidente dell’Istituto. Da una parte, abbiamo avviato numerosi progetti per la diffusione di una vera e propria cultura della sicurezza, che rappresenta l’unica modalità di prevenzione realmente efficace, mentre sul fronte della tutela, siamo impegnati nell’assistenza gratuita alle vittime di incidenti sul lavoro e di malattie professionali e alle loro famiglie, come prevede la legge di riforma dei patronati (l.152/2001). Garantire loro un equo indennizzo è un dovere che prendiamo molto seriamente e che mettiamo in pratica anche grazie all’aiuto di 552 medici e legali che collaborano con l’Inas e che possono fornire una perizia di parte, spesso fondamentale nelle cause che, in alcune situazioni, vengono intraprese.

Per svolgere al meglio questi compiti, operiamo in sinergia con le singole categorie di lavoratori, in modo da coglierne le specifiche esigenze, anche supportandole tecnicamente nelle attività degli enti bilaterali. Inoltre, dedichiamo particolare attenzione alla sensibilizzazione ai temi della sicurezza sul lavoro rivolta agli immigrati, tra i quali, purtroppo, è altissimo il numero di incidenti.

Un’azione attenta e mirata, che metta al centro la persona umana, è dunque il primo importante passo verso una reale tutela”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.