Sicurezza, Albertoni:”Intervenga la polizia locale”

Secondo il presidente del Consiglio Regionale «la Moratti fa bene a mostrare determinazione e decisione nell’affrontare le emergenze della città»

Una questione di “improcrastinabile urgenza” quella della sicurezza nelle città. A tal punto che il presidente del consiglio regionale della Lombardia Ettore Albertoni vorrebbe schierare la polizia locale.

Secondo l’esponente del Carroccio  “Si tratta di una questione di improcrastinabile urgenza, la gente capisce che la legalità nella vita civile e sociale è arrivata ormai a livelli di rischio altissimo e che occorrono interventi immediati” e decisi da parte della Repubblica. Non la formula “integrazione e legalità”, ma semmai il contrario: prima legalità e poi eventuale integrazione per chi condivide i nostri stili di vita e civiltà”. “Tocca ai Consigli Regionali delle Regioni del Nord – ha affermato Albertoni – avviare da subito una consultazione con finalità pratiche e propositive per costituire, insieme con i Questori, i Comandi di Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza una più stretta collaborazione che, anche attraverso l’uso e la razionalizzazione delle reti informatiche e delle banche dati, nonché l’impiego delle tecnologie satellitari, assicuri un coordinamento funzionale dei dati e delle informazioni necessarie a potenziare le azioni di prevenzione e di intervento sul territorio. E’ questa –  conclude Albertoni – una strada percorribile per passare dalle analisi ai fatti precisi e verificabili, che oggi tutti i Cittadini chiedono alle loro Istituzioni.”

Albertoni esprime solidarietà e sostegno al Sindaco di Milano, Letizia Moratti, sottolineando tuttavia come il doveroso rigore nella sicurezza debba accompagnarsi soprattutto all’applicazione delle norme già esistenti, al di là della esagerazione mediatica. “Fa, dunque, bene il Sindaco Moratti a mostrare determinazione e decisione nell’affrontare le emergenze della città – conclude il Presidente -. Devo però precisare che questi interventi rischiano di risultare isolati e insufficienti se non supportati dall’azione del Governo nazionale, cui compete per la Costituzione la sicurezza e l’ordine pubblico. La Costituzione a questo proposito è chiarissima: l’ordine pubblico e la sicurezza sono competenza esclusiva dello Stato, ma anche le Istituzioni locali possono e devono fare di più: sempre l’art. 117 della Costituzione attribuisce ai Comuni, alle Città Metropolitane, alle Province e alle Regioni la competenza sulla Polizia amministrativa locale”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.