Sparatoria al centro commerciale, 4 morti

Troppe armi in circolazione, risultato: dopo la carneficina al college, altri morti per le armi da fuoco

Un’altra strage in Usa per le armi da fuoco. Dopo neppure due settimane dalla carneficina al Viriginia Tech, dove persero la vita 32 persone, oggi un altro eccidio dettato dalla follia, ma anche dalla diffusione delle armi da fuoco è da registrare negli States. Quattro persone sono morte e altre due sono rimaste ferite in una sparatoria avvenuta in un centro commerciale a Kansas City, nel Missouri. Un uomo armato di un fucile a canne mozze ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco nel parcheggio, uccidendo due clienti, poi ha "freddato" una cassiera. All’arrivo della polizia ha continuato a sparare all’impazzata, ferendo un paio di agenti, prima di essere colpito a morte

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo e’ arrivato in auto, probabilmente rubata, nel centro commerciale a sud di Kansas City, dopo aver sparato ad un poliziotto nel corso di un controllo stradale. Un testimone ha riferito alla ‘Cnn’ che l’uomo, a quanto sembra di giovane eta’, e’ arrivato al centro commerciale ed ha cominciato a sparare nell’area del parcheggio. Secondo altre testimonianze, avrebbe aperto il fuoco anche all’interno del complesso. Il quotidiano locale ‘Kansas City Star’ afferma che la polizia e’ accorsa sul posto dopo una segnalazione che riferiva di una sparatoria all’interno del Ward Parkway e che diverse persone erano state colpite.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.