Strada del Cucco, il comune ci mette “una pezza”

Dopo la lettera di un lettore di Varesenews interviene l'assessore ai lavori pubblici del comune che annuncia lavori di rappezzo in attesa che la Provincia la prenda in carico

Strada del Cucco, dopo Pasqua i primi interventi. Dopo la lettera di un nostro lettore che ha denunciato la situazione di dissesto in cui versa la strada secondaria che collega Luino a Mesenzana arriva la risposta dell’assessore ai lavori pubblici del comune di Luino Carlo Vanetti che precisa gli interventi che saranno effettuati subito dopo Pasqua. «Dopo aver letto attentamente le parole del lettore sento che è necessario spiegare la situazione della strada che attualmente è in condizioni pessime: – spiega Vanetti – da un accordo con la Provincia è stato deciso il passaggio della strada da intercomunale (Luino e Montegrino) a provinciale. Solo che con le elezioni di mezzo si pensa ad un intervento serio di rifacimento del manto stradale solo dopo l’estate».

Nel frattempo, però, la situazione non resterà tale:«Abbiamo deciso di effettuare dei massicci interventi di rappezzo delle buche in tutto il tratto di strada luinese – spiega Vanetti – subito dopo Pasqua. Intanto chiederemo al comune di Montegrino di intervenire in tal senso nel tratto di loro competenza». Quindi dopo le festività si potrà avere un miglioramento della situazione tale da non lasciarci ammortizzatori e pneumatici. Solo dopo le elezioni provinciali ci sarà un intervento più serio e massiccio da parte della Provincia per rifare completamente il manto stradale. La storia di questa strada è sempre stata costellata da vicende travagliate. Portata dalla località Riviera di Montegrino fino alla rotonda di Mesenzana alcuni anni fa dalla comunità montana valli del Luinese ha subito assunto un ruolo importante di assorbimento di una parte del traffico della strada statale 394 che scorre sull’altro lato della valle. Poco dopo è stato portato a termine il lavoro di asfaltatura complessiva.

Nel giro di pochissimo tempo zolle intere di asfalto hanno cominciato a staccarsi, probabilmente a causa di un lavoro non eseguito propriamente coni fiocchi. In seguito la comunità montana ha eseguito altri lavori su un tratto della strada consolidando un versante franoso. In questi anni, poi, sono stati eseguiti vari interventi da parte dell’Aspem nella zona di Luino per portare la rete iderica alla zona industriale di via Gorizia e ad ogni intervento di posizionamento dei tubi non è seguita una riasfaltatura adeguata alimentando la fama della strada sempre più protagonista di incidenti e lamentele. Poi, un anno fa, c’è stato il passaggio della competenza sulla strada dai comuni di Luino e Montegrino alla Provincia che, però, tarda ad assumersi le sue responsabilità su una situazione divenuta ormai disastrosa. Da qui l’intervento del Comune di Luino che ha deciso di metterci, come si suol dire, "una pezza".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.