“Terra, arte e radici”: alla scoperta del ’68

La VII edizione coinvolge 9 comuni a "porte aperte" nelle giornate del 22 aprile, 6 e 13 maggio

È il Sessantotto il filo conduttore della VII edizione di “Terra, arte e radici. L’inaugurazione, prevista per sabato 14 aprile al teatro auditorium di Jerago con Orago, darà il via ad una serie di eventi destinati a famiglie ma non solo, per rilanciare il mix di cultura, ambiente storia e arte che ha funzionato con successo nelle passate edizioni. Quest’anno saranno ben tre le domeniche – 22 aprile, 6 e 13 maggio – in cui i nove comuni del varesotto aderenti (Arsago Seprio, Besnate, Cardano al Campo, Carnago, Casorate Sempione, Cassano Magnago , Cavaria con Premezzo, Jerago con Orago e Oggiona Santo Stefano) apriranno al pubblico le proprie bellezze ambientali e artistiche. Il programma è come sempre ricco: nelle tre giornate si potranno visitare parchi, ville antiche, chiese restaurate, il tutto accompagnato da momenti culturali come mostre, conferenze e concerti. Numerosi appuntamenti sul tema del Sessantotto avranno come cornice gli splendidi siti interessati dalla manifestazione: testimonianze, documentari, conferenze e concerti per approfondire gli anni della contestazione giovanile.

Grande la soddisfazione degli assessori presenti: sia per la possibilità di mostrare al pubblico opere d’arte poco conosciute ma di grande interesse e rara bellezza, ma soprattutto per l’interesse mostrato dai concittadini per l’evento. Soprattutto dai ragazzi: è alto infatti il coinvolgimento delle scuole nell’organizzazione e nella preparazione, e in alcune occasioni sono gli stessi studenti che si improvviseranno guide turistiche e ciceroni. Presenti alla conferenza stampa anche la direttrice generale dei licei di Gallarate, Luisella Macchi, e Daniela Aliverti, dell’associazione culturale Aleph, ideatrice dell’evento. Entrambe sono d’accordo nel puntare sul coinvolgimento degli studenti, per far si che l’iniziativa favorisca il loro interesse sia per la riscoperta della cultura e delle radici locali, che per la conoscenza di un periodo storico di cui spesso si sa poco e male.

Il calendario degli eventi

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.