Un albergo a cinque stelle nel Parco del Ticino

Il progetto in dirittura d'arrivo nell'ex area industriale della conceria a ridosso del canale Villoresi: il tutto fatto nel rispetto dell'ambiente

Un albergo a cinque stelle all’interno del Parco del Ticino. È il progetto che sta prendendo forma a Lonate Pozzolo: non solo la struttura alberghiera, ma anche il recupero di un’ex area industriale a ridosso del canale Villoresi (un’ex conceria) e la nascita di un nuovo “museo dell’acqua”, gestito in collaborazione dal Parco del Ticino e dal Comune amministrato da Piergiulio Gelosa. L’idea è vecchia, arriva dalla scorsa legislatura e ha goduto dell’approvazione unanime di tutto il consiglio comunale: all’interno del Parco del Ticino, il cui cda deva ancora dare il suo sì definitivo, atteso a breve, sorgerà dunque un hotel a 5 stelle: «La sfida è quella di creare un albergo di lusso con tutti i crismi del rispetto ambientale – spiega Gelosa -, in un luogo vicino a Malpensa, ma immerso nella natura del Parco del Ticino. In più sorgerà un museo dell’acqua a disposizione di tutti e verrà recuperato il vecchio mulino. Un progetto che non varia la volumetria (30 mila metri cubi) e  che permette di bonificare l’area (le strade verranno rifatte con l’acciottolato). Inoltre verrà realizzato un parcheggio nelle vicinanze dell’area interessata, con il collegamento garantito da un mezzo rigorosamente elettrico». 

Non è il solo albergo che si progetta di realizzare a Lonate Pozzolo. Nella frazione di Tornavento infatti è allo studio la costruzione di un altro complesso: il progetto non è ancora stato licenziato, ma solo adottato dal consiglio comunale, ancora una volta all’unanimità. Si parla di un grosso albergo, affiancato da un centro sportivo e da un silos completamente interrato da 1000 auto di capienza: anche qui il progetto è pensato nel rispetto dell’ambiente, con attenzione al calore proveniente dal sottosuolo e al risparmio energetico: «Un piano di grande importanza per il Comune – aggiunge Gelosa -, che, grazie a oneri di urbanizzazione e costi di lavorazione porterà nelle casse del Comune risorse fondamentali per la realizzazione di opere pubbliche».    

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.