“Un’orchidea per la vista”, iniziativa del Lions Club

L'iniziativa per raccogliere fondi per la cecità è in programma dalle 9,45 e fino alle ore 18 in Piazza San Vittore

Un’orchidea per la vista”. È questo il messaggio che domenica, nell’ambito del Lions day, i lions lanceranno in tutte le città italiane a supporto della Campagna internazionale Sight First II che, in 200 Paesi del mondo, vede coinvolti gli oltre 1.400.000 soci dei 45 mila Lions Club.
Un service di particolare significato sociale a testimonianza della missione umanitaria che i  lions, “cavalieri della luce per i non vedenti”, svolgono da novant’anni.
A Varese, con inizio alle 9,45 e fino alle ore 18, in Piazza San Vittore, ci saranno sei gazebo per presentare alla cittadinanza l’azione e le finalità della più grande Associazione di servizio del mondo a favore dei diversamente abili, dei giovani, degli anziani, del terzo mondo, dell’ambiente,  della pace e la promozione sociale. Sarà il varesino Bruno Fogliatto, Governatore del Distretto 108 Ib1 (Varese, Como, Lecco, Monza, Sondrio e Altomilanese), a tagliare il nastro inaugurale. È prevista la partecipazione del Sindaco di Varese, il lions Fontana, e del Prefetto, oltre alle altre autorità civili e religiose della città.
A questo importante evento internazionale hanno aderito tutte le testate giornalistiche e televisive nazionali oltre ai  gestori telefonici Telecom, Tim, Wind e Vodafone. Inviando un sms da telefono cellulare al numero 48586 o chiamando da rete fissa Telecom sarà possibile  donare rispettivamente uno o due euro. Domenica, si parlerà di lionismo e solidarietà nel corso della trasmissione televisiva di Rai due “Quelli che il calcio”, condotta da Simona Ventura, con una finestra da Chivasso. 
Sight First è in assoluto l’iniziativa più ambiziosa e di successo dei Lions Club. Grazie ai fondi raccolti con la prima campagna di Sight First, ideata  nel 1990 per combattere le principali cause di  cecità prevenibile e curabile, i Lions hanno restituito la vista a sette milioni di persone con 1.500.000 operazioni di cataratta, hanno evitato che 20 milioni di persone subissero una grave diminuzione della vista e hanno, in generale, migliorato i servizi di cure oculistiche per centinaia di milioni di persone (esami per il glaucoma, trapianti di cornea, ecc.).  Sono state inoltre attivate nel mondo 80 cliniche oculistiche con relative “banche degli occhi”, raccolti svariati milioni di occhiali usati da distribuire nei Paesi del Terzo mondo, stampati numerosi libri Braille (“Libro parlato”), prodotti audiolibri, addestrati cani guida per non vedenti.
In collaborazione con l’Organizzazione mondiale della sanità, con Sight First i Lions sono impegnati a debellare la cecità infantile  attraverso la realizzazione di trenta centri per le cure oculistiche pediatriche a livello mondiale, con relativa formazione professionale del personale medico e infermieristico.
L’obiettivo di Sight First II, che si concluderà nel giugno 2008, è quello di poter raggiungere l’importo minimo di 150 milioni di dollari usa per vincere la “crociata contro le tenebre”. La solidarietà al servizio dei più bisognosi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.