Un “Parco dei ricordi” per i caduti di Nassiriya

Diciannove cipressi in onore delle vittime italiane dell'attentato in Iraq del 12 novembre 2003

Diciannove cipressi: uno per ognuna delle vittime dell’attentato che ha provocato la morte di 12 carabinieri, 5 militari dell’esercito e 2 civili il 12 novembre 2003 a Nassiriya. Gli alberi sono stati piantati nel "Giardino della memoria", l’area verde di via Copelli che l’amministrazione comunale ha voluto intitolare ai caduti italiani. Davanti al monumento commemorativo in pietra, posto in mezzo ai cipressi, verrà posta una targa con incisa la frase "ai Caduti di Nassiriya", mentre ogni albero sarà dedicato ad un caduto di cui recherà il nome.
Grande la soddisfazione del sindaco Attilio Fontana: «È stato fatto un buon lavoro, – dichiara il primo cittadino – e siamo pronti all’inaugurazione ufficiale del 26 maggio. È un luogo per ricordare i nostri compratiotti che hanno perso la vita nello svolgimento della loro missione».
Anche l’assessore alla Tutela Ambientale Luigi Federiconi commenta con entusiasmo il risultato raggiunto, sulla base di un progetto iniziato dalla precedente amministrazione. «Siamo felici che a Varese ci sia un luogo di pace e tranquillità come questo – aggiunge Federiconi – per poter ricordare questi eroi. Un luogo di meditazione, che siamo orgogliosi di poter offrire alla nostra città.» Anche Alessio Nicoletti, leader di Movimento libero, non nasconde il suo gradimento per l’iniziativa.
Presente anche il colonnello Claudio Criscuolo (foto): il comandante provinciale dei carabinieri si mostra soddisfatto del "Giardino della Memoria", sia per il tributo verso i caduti in missione, sia per il riconoscimento che tramite esso viene dato al lavoro dell’arma svolto all’estero.
L’inaugurazione, con cerimonia ufficiale di intitolazione e messa in onore dei caduti, ci sarà il 26 maggio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.