“Un viaggio tra sinfonia e jazz”: è grande musica al Sociale

Una originale rilettura in chiave sinfonica del meglio del jazz, con l'orchestra Microkosmos del maestro Fabio Gallazzi: al Sociale giovedì 26 e venerdì 27 aprile alle 21

Giovedì 26 e in replica venerdì 27 aprile alle ore 21, al Teatro Sociale di Piazza Plebiscito a Busto Arsizio è di scena la musica: "Un viaggio tra sinfonia e jazz" il nome dello spettacolo che per la prima volta in Italia fonde assieme un’orchestra sinfonica e una jazz band in un esperimento unico nel suo genere, quello di rileggere in chiave sinfonica gli elementi tipici del jazz.

Coniugando la melodicità dell’orchestra sinfonica e la sonorità ritmica della band, questo progetto vuole raccogliere la sfida posta dagli evergreen cool-jazz come Misty, Fever, Just The Way You Are e My Way – solo per citarne alcuni – e riproporli sotto una nuova luce.

Le radici del jazz affondano nella cultura africana, negli schiavi neri deportati negli Stati Uniti. Dalle origini africane il jazz si è evoluto, fino ad annullare la differenza esistente tra esso e la musica colta. Infatti si possono trovare, a fianco delle caratteristiche blue notes e dei ritmi sincopati, molti elementi provenienti dalla teoria armonica e musicale della musica classica, sinfonica e lirica. Ed è proprio su questo trait d’union che si fonda l’essenza di questo progetto, la volontà di creare un connubio tra due mondi apparentemente lontani.

Ideato e prodotto interamente dal maestro Fabio Gallazzi e da Sergio Barletta, un ulteriore fiore all’occhiello di questo spettacolo è rappresentato dall’originalità dei brani proposti, tutti arrangiati e orchestrati per l’occasione dal maestro Andrea Benzoni.

Protagonisti di questo ambizioso progetto sono l’orchestra Microkosmos diretta dal Maestro Fabio Gallazzi, la voce soul di Luca Maggiore, il Maestro Andrea Benzoni, autore di tutti gli arrangiamenti e chitarra solista e Sergio Barletta, presentatore-narratore dello spettacolo.

I biglietti, al costo di 20 euro, si possono trovare presso Boragno (via Milano), edicola Luisella (via Magenta) e RAF strumenti musicali (Busto Arsizio).

Gli artisti

L’orchestra Microkosmos
 

Nasce nel 2000 dal desiderio di musicisti con alle spalle una solida esperienza cameristica, di dedicarsi al repertorio destinato ad un organico più ampio. Dopo un intenso periodo di ricerca stilistica e grazie alla sinergia di intenti fra fondatori, responsabili ed orchestrali, l’orchestra ha raggiunto un alto livello qualitativo e artistico, confermato da ampi consensi di pubblico e critica, che le consente di collaborare con artisti di chiara fama internazionale. Per questo progetto si presenterà con un organico costituito ad hoc di circa 50 elementi affiancata da una jazz band.

Fabio Gallazzi – direttore

Inizia giovanissimo gli studi musicali sotto la guida della prof. Franca Castiglioni. Ottiene il diploma di pianoforte col massimo dei voti e segue i corsi di composizione e perfezionamento pianistico con i maestri Luigi Zanardi e Bruno Canino. Accanto all’attività didattica affianca quella concertistica.

E’ presidente del “Circolo Accademico Culturale”, associazione senza scopo di lucro di Vanzaghello, che organizza seminari, incontri di alto perfezionamento con maestri del calibro di Emanuele Segre, concerti e rassegne musicali, concentrando la sua attenzione sulla musica d’insieme e la propedeutica per i bambini.
E’ direttore artistico dell’Accademia di Musica e Danza di Vanzaghello e dell’ Accademia “Lorenzo Perosi” di Busto Arsizio.
Dirige il coro “Gospel for Joy” di Castellanza e il coro gospel “Joyful Singers” di Vanzaghello coi quali svolge attività concertistica.

Ha studiato direzione d’orchestra presso l’associazione culturale “Hans Swarowsky” di Milano con i maestri Herbert Handt e Maurizio Dones.
Presso “Musicale”, associazione culturale di Castiglione delle Siviere, ha seguito i laboratori di formazione orchestrale con il Maestro Daniele Gay, le lezioni del Maestro Dones e ha diretto l’Orchestra Giovanile Aloisiana.

E’ tra i fondatori dell’Orchestra Microkosmos, della Kinder Orchestra e della Guitar Orchestra.

Sempre nell’ ambito dell’ attività concertistica collabora con nomi noti dello spettacolo come Ron, Katia Ricciarelli, Emanuele Segre, Bruno Canino, Luigi Zanardi, Marco Rizzi, Javier Girotto, Daniele di Bonaventura, Luca Maggiore, Davide Rocca, Maria Josè Lo Monaco e cantanti lirici del Teatro alla Scala.

Luca Maggiore – vocal 

Ad accompagnare l’orchestra in tutto il concerto sarà la voce e la personalità di Luca Maggiore. Nato a Legnano nel 1974, inizia a studiare musica classica (pianoforte) all’età di 13 anni con il maestro Mauro Bianchi e successivamente con il maestro Fabio Gallazzi.

Essendo dotato di un’ottima voce per timbro, intonazione e potenza,decide di dedicarsi allo studio del canto prima con diversi insegnanti privati e poi dedicandosi al canto jazz e soul presso il cpm (Centro Professione Musica) di milano.

Nel 1991 la musica diventa, per Luca, anche un lavoro grazie al pianobar e all’attività di cantante solista e corista in giro per l’Italia. Sarà un viaggio musicale itinerante fino al 1998, quando verrà notato e reclutato da Pippo Baudo per la trasmissione “La canzone del secolo”.

Da lì in poi inizierà l’attività di corista nelle orchestre di Beppe Vessicchio e Pippo Caruso per diverse trasmissioni televisive Mediaset e Rai. Come corista può vantare prestigiose collaborazioni con grandi artisti della musica italiana del calibro di Mango, Biagio Antonacci, Riccardo Cocciante, Marco Masini e Fabio Concato.

Nel mentre presta la sua voce a diverse produzioni discografiche come corista.

Come cantautore partecipa al Festival di San Marino nel 1997, nel 2000 all’Accademia di Sanremo e al Festival di Avezzano. Nell’Aprile del 2001, Luca firma un contratto discografico con Zomba Records Italia che pubblica il singolo “LA TERAPIA”. Partecipa poi all’edizione 2002 del PREMIO CITTA’ di RECANATI con il brano “Mia sorella vita” aggiudicandosi il premio della critica e della giuria di qualità (composta da nomi del calibro di Vasco Rossi,Claudio Baglioni,Gino Paoli,Ivano Fossati e molti altri). Zomba Records pubblica quindi in Agosto 2002 un CD singolo con i brani: D’ARIA e MIA SORELLA VITA.

Il 2002 e buona parte del 2003 sono dedicati ad una grande attività live:concerti come solista o accompagnato da gruppi. Da ricordare il concerto di Natale del 2003 come cantante solista accompagnato dalla prestigiosa orchestra MicroKosmos diretta da Fabio Gallazzi.

Dopo essersi fatto le ossa in piccoli musical, la grande occasione arriva nel 2003 quando,dopo un’audizione,viene scelto da Paola Neri (responsabile casting di Musiza,società di spettacoli David Zard) per cantare nel musical “Notre Dame De Paris” di Riccardo Cocciante, nel ruolo del protagonista Quasimodo. Durante questa splendida esperienza professionale,ha modo di studiare recitazione e canto con grandi preparatori artistici quali Wayne Fox e Pasquale Panella (quest’ultimo grande scrittore, paroliere ed attore responsabile dell’adattamento nella versione italiana di tutti i testi del "Notre Dame" francese), Riccardo Cocciante e Paola Neri.

Nel 2005 David Zard lo sceglie insieme a Vittorio Matteucci per recitare la parte del protagonista del nuovo colossal Dracula con le musiche della PFM (Premiata Forneria Marconi) e i testi di Vincenzo Incenzo. L’opera debutta nel marzo 2006 a Roma e da allora Luca è impegnato su quel fronte,continuando in parallelo la sua attività di cantante e musicista per diversi studi di registrazione e con la musica dal vivo.

Andrea Benzoni – Arrangiatore, orchestratore, chitarra solista

Il maestro Andrea Benzoni è l’autore degli arrangiamenti e dell’orchestrazione di tutti i brani che compongono questo progetto, oltre che ricoprire il ruolo di chitarra solista. Diplomato a 18 anni presso la High School in Oregon (USA), conosce e frequenta Howard Roberts che lo avvia verso studi jazzistici. Consegue inoltre in Italia il diploma di scuola media superiore come direttore di comunità.

All’età di 20 a Parigi conosce musicisti con i quali suona la musica del “ Hot Club de France “ (Grappelli – Reinhardt). Tornato in Italia studia in conservatorio chitarra classica, pianoforte e composizione. Nel frattempo studia a Milano musica elettronica sotto la guida del Prof. G.Haus, jazz con il M° Tomaso Lama, fingerstyle con Giovanni Unterberger, frequenta varie sessioni con la Berklee e partecipa a seminari con Jim Hall, J.Abercrombie, Joe Pass e altri. Si laurea poi in musica d’uso (composizione moderna ad indirizzo multimediale).

Come solista si è esibito in molte parti del mondo in Festival importanti e ha al suo attivo 4 CD dei quali “TIMING“ è prodotto dalla prestigiosa etichetta tedesca “Acoustic music“ .

AMICO MIO“ è suonato in collaborazione con la prima Viola (Danilo Rossi) e il primo Contrabbasso (Giuseppe Ettorre) della Scala di Milano con i quali si esibisce. L’ultimo, “ONE…….FOUR“ è stato registrato insieme a quintetti di legni e archi con musiche composte, arrangiate ed orchestrate dallo stesso Benzoni.

E’ stato selezionato per una raccolta (libro con spartito+cd) prodotta dalla nota etichetta Mel Bay (USA) di alcuni fra i migliori chitarristi acustici nel mondo.

Compone, arrangia, orchestra e si esibisce anche per altre formazioni da camera (quintetti di legni e\o fiati) e per orchestra sinfonica intera.

E’ endorser (testimonial) per la nota casa produttrice di chitarre Lowden (Irlanda) e per la John Pears Strings (USA) produttrice di corde per strumenti.

Sergio Barletta – Narratore-presentatore

Sergio Barletta ha preso parte come attore ad alcuni film per la RAI e come primo attore brillante ha recitato in commedie in tutta la Lombardia: una su tutte è "Buon Natale Signor Nino", su copione del M° Renato Converso.

Da giovanissimo è stato impegnato nel Teatro Stabile di Cosenza. Ha frequentato inoltre il Teatro Scuola di Cosenza.

Nell’ universo musicale ha collaborato invece con artisti del calibro di Fabio Gallazzi, Michele Tacchi, Massimiliano Varotto, il M° Pisciotta,già direttore del Conservatorio di Cosenza e il M° Celestino Pascuzzo. Insieme al M° Fabio Gallazzi e col contributo di Meri Lao quale maggior storiografa del tango argentino, nel 2006 ha ideato e prodotto "TODO TANGO", concerto per archi, bandoneon e sax, di cui Javier Girotto e Daniele Di Bonaventura sono stati i solisti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.