Varese&Russia: rapporti sempre più stretti

Importante il riscontro della tre giorni alle Ville Ponti tra le imprese della Camera di Commercio e i buyer

Ha riscosso un forte interesse da parte delle imprese il terzo appuntamento del programma 2007 del VIM (Varese International Meetings), iniziativa quest’anno tutta dedicata alla Russia.

Dopo il convegno che martedì 17 aprile aveva visto diversi e qualificati esponenti dei due sistemi economici confrontarsi nelle sale del Centro Congressi “Ville Ponti” sulle opportunità che il mercato russo offre al tessile varesino, si sono susseguiti gli appuntamenti business to business tra le imprese della Camera di Commercio e i buyer. Operatori commerciali provenienti in particolare dal distretto di Ivanovo, un’area a circa 300 chilometri da Mosca che storicamente costituisce la patria del  tessile russo.

Il bilancio parla di oltre 260 incontri svoltisi tra i 19 buyer russi e le 50 imprese italiane presenti.
 "Sono veramente soddisfatta: grazie alla vostra iniziativa ho potuto entrare in diretto contatto proprio con le due aziende russe che cercavo, evitandomi un lungo viaggio che stavamo per programmare" ha dichiarato la titolare di un’azienda di Cairate che produce pizzi e tessuti rivolgendosi agli organizzatori, l’Ufficio Internazionalizzazione della Camera di Commercio.
Da parte sua, la rappresentate di un’impresa meccanotessile russa, da cinquant’anni attenta al mercato varesino, ha sottolineato come "… la qualità dell’offerta è sempre molto alta. La mia azienda ha avuto per la prima volta contatti con il meccanotessile varesino nel 1959. Abbiamo importato i vostri prodotti per poi distribuirli in tutta l’ex Unione Sovietica. Devo dire che sia noi che i nostri clienti sono molto soddisfatti. Anche in questa tre giorni abbiamo riscontrato la capacità delle vostre imprese di essere flessibili e di adeguarsi alle esigenze del mercato".
Un’analisi condivisa da un’importatrice di prodotti per l’intimo moda: "L’aspetto più rilevante è la capacità del Sistema Moda Varese di adeguarsi alle nostre necessità, molto di più che i produttori presenti sul mercato francese o tedesco. Ecco perché torno in Russia con la convinzione di aver potuto sfruttare al meglio l’occasione che mi ha offerto la Camera di Commercio".
Proprio l’esito positivo dell’iniziativa alle Ville Ponti ha convinto diverse imprese a chiedere che l’edizione 2007 del VIM si chiuda con una missione commerciale in Russia: "Credo che sarebbe un modo proficuo per noi di dare continuità ai rapporti business to business avviati nelle ultime ore con imprese ben selezionate: ci sono le premesse per concludere buoni affari. Pensi che per noi questa è stata la prima esperienza con il mercato russo" ha precisato con entusiasmo il rappresentante di un’azienda tessile di Cardano al Campo che produce abbigliamento donne. 
L’edizione di quest’anno del VIM rientra nell’ambito dell’Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo in essere tra la Regione Lombardia e il Sistema camerale lombardo. Tutta la manifestazione, inoltre, è svolta in collaborazione con l’Osservatorio provinciale sull’internazionalizzazione e le Associazioni di categoria di un Sistema Varese il cui fatturato complessivo ha ormai superato i 20 miliardi di euro. Di questi, ben 7 miliardi e 700 milioni sono frutto delle esportazioni.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio Internazionalizzazione della Camera di Commercio (Gianluigi Balladore tel. 0332/295.386; e-mail: balladore@va.camcom.it). 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.