Venti giugno: inizia l’esame di maturità

Definite le date delle tre prove scritte per l'Esame di Stato. Sono poco meno di mezzo milione i candidati. In calo ottisti e privatisti

Alle 8.30 si mercoledì 20 giugno inizierà la prima prova del’esame di maturità rivisto e corretto dal Ministro Fioroni.
Sono state pubblicate, infatti, dal Ministero della Pubblica Istruzione le date delle tre prove scritte dell’Esame di Stato che quest’anno diplomerà quasi 500.000 candidati in tutt’Italia.

La seconda prova scritta, grafica o scritto-grafica si svolgerà il il 21 giugno, dalle 8.30. Per gli esami nei licei artistici lo svolgimento della seconda prova continuerà nei due giorni seguenti per la durata giornaliera indicata nei testi proposti. Per gli istituti d’arte, la seconda prova si svolgerà in non meno di tre giorni e in non piu’ di cinque.
La terza prova scritta sarà il 25 giugno: ciascuna commissione, entro il 23 giugno, definirà collegialmente la struttura dell’ultima prova

Il dato nazionale vede un incremento del 12% dei candidati, nonostante il crollo degli "ottisti", i ragazzi particolarmente, meritevoli a cui si abbona l’ultimo anno. Le nuove regole d’ammissione, infatti, prevedono che i ragazzi abbiano preso 8 in tutte le materie del quarto anno e 7 in tutte quelle dei due anni precedenti, oltre a non essere mai stati bocciati: così il numero è sceso dai 1667 dello scorso anno agli attuali 146.

Si ridimensiona anche il numero dei "privatisti": dai 36.302 dello scorso anno ai 31.297 del prossimo giugno, in calo del 13,8%.


Quanto agli indirizzi dei maturandi: il 38,9% dei candidati affronterà gli esami presso gli istituti tecnici (193.446 candidati); il 20,8% presso i licei scientifici (103.665); il 17,1% nei professionali (85.248); il 10,1% (50.252) nei licei classici; l’8,3% (41.129) presso gli psicopedagogici; il 3,8% (18.735) presso il licei artistici e gli istituti d’arte ed infine l’1% (4.821 candidati) presso i licei linguistici.

In quattro regioni si concentra quasi la metà dei candidati: Campania: 67.272; Lombardia: 62.854; Sicilia: 54.745 e Lazio: 49.888.

La nuova maturità, innovata dal Ministro Fioroni, si fonda su due differenze sostanziali: la commissione esaminatrice sarà mista, metà membri interni e metà esterni con un presidente ogni due classi, e avrà una fase di valutazione d’ammissione con lo scrutinio finale che, fino al 2009, prenderà in considerazione anche il "saldo" dei debiti contratti negli anni precedenti.
Sono stati previsti, poi, incentivi per il proseguimento degli studi e prove di laboratorio per istituti tecnici e professionali.
La spesa prevista per la nuova maturità è di 143 milioni di euro

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.