Vuoi comprare immobili comunali? Ecco come fare

Nuova proceduira per l'alienazioen di alcuni fabbricati

Il Comune di Varese ha predisposto e pubblicato un avviso pubblico per individuare – attraverso un’indagine di mercato – i soggetti interessati all’acquisto di alcune proprietà comunali. Sul sito del Comune, all’indirizzo www.comune.varese.it, entrando in bandi, è possibile scaricare l’avviso integrale. L’indagine era già stata avviata alcuni mesi fa, ma senza risultato.

A seguito della mancanza di offerte nella relativa procedura aperta si intende, mediante la presente procedura di indagine di mercato:

 

a)            individuare il corretto prezzo di mercato da porre a base d’asta;

b)            individuare i soggetti interessati da invitare alla procedura negoziata,con offerta in aumento sulla base d’asta, volta che il prezzo risultante dall’indagine di mercato sia stato ritenuto congruo.

 

IMMOBILI OGGETTO DELLA PROCEDURA DI ALIENAZIONE

 

Lotto n. 1:  Fabbricato di Via Fincarà:trattasi della ex Scuola Elementare “Collodi”del Sacro Monte. E’ un fabbricato risalente all’anno 1909,  in condizioni ormai fatiscenti e di modeste dimensioni, circa 218 mq. di superficie lorda di pavimento, articolato su due piani fuori terra con annesso ripostiglio esterno (rudere) di mq. 12,00. L’area di pertinenza è di circa mq. 270,00. I locali sono attualmente liberi. Per questo immobile è stata adottata una variante urbanistica. L’immobile è tuttavia soggetto alla normativa  vincolistica di cui al D.lgs n. 42/2004 (codice Urbani) e s.m.i., a cui dovrà attenersi  sia l’alienante in relazione alla procedura per la prelazione, sia l’acquirente del bene per il successivo utilizzo. Per il medesimo gli uffici hanno già ottenuto l’autorizzazione alla alienazione da parte del Ministero per i Beni Culturali e paesaggistici, Direzione Regionale della Lombardia. L’attuale destinazione urbanistica è A1.2.

 

Lotto n. 2: Immobile di Via Giordani. Trattasi di casa  di civile abitazione, di modeste dimensioni mq. 63 circa (alloggio primo piano) , costituita da due piani fuori terra. Al piano terreno è ubicata un’autorimessa ed un locale di sgombero della superficie complessiva di mq. 63,00 circa. E’ un ex alloggio di custodia del depuratore fognario di Masnago. Locato, attualmente con contratto scaduto il 31.12.2006, è già stata attivata la procedura legale per il rilascio dell’immobile. Il bene è inserito, a seguito di adozione di variante,  in zona urbanistica omogenea B” – zone residenziali consolidate _  Ambiti di edilizia unifamiliare e case con giardino

 E’ dotato di un piccolo giardino della superficie di mq. 500 circa. L’immobile è mantenuto in buono stato di conservazione .Valore periziato Euro 125.000,00.

 

Lotto n. 3: Area di Via Gemona: trattasi di un’area della superficie di circa mq. 375, che risulta porzione del mappale n. 22924, da individuarsi mediante frazionamento, che ricade ai margini di un ampio comparto di edilizia residenziale Pubblica agevolata/convenzionata, prevalentemente destinata a prato. Urbanisticamente l’area è inserita in zona omogenea B – zone residenziali consolidate – sottozona B4.2 – ambiti privi di strutturazione urbana.

 

Gli immobili sono stati valutati da tecnici comunali, con perizie di stima asseverate con giuramento, depositate e visionabili presso l’Ufficio Patrimonio del Comune di Varese Via Valverde n. 17.

 

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELL’INDAGINE DI MERCATO

 

Invio della proposta

 

I soggetti interessati dovranno inoltrare la proposta, compilata secondo il fac simile allegato “A” entro le ore 12,00 del giorno 11 maggio 2007 (termine perentorio a pena di decadenza) al seguente indirizzo:

Comune di Varese

Area I “Servizi Amministrativi ed istituzionali”

Ufficio Contratti

Via Luigi Sacco n. 5

21100 Varese

Fax 0332/255264 e mail: contratti@comune.varese.it

 

Le  proposte potranno essere presentate anche via telefax, telex, in tale ipotesi, devono essere confermate mediante invio di lettera sottoscritta consegnata al vettore prima della scadenza del termine d’invio delle domande.

Copia della documentazione di consegna dovrà essere inoltrata, senza indugio, all’Amministrazione via telefax.

Per ragioni operative connesse alla struttura dei servizi, non saranno, quindi, considerate validamente pervenute le domande che vengano consegnate o inoltrate con qualsiasi mezzo ad Uffici diversi, anche prima della scadenza del termine,  salvo il caso di consegna all’Ufficio Protocollo.

 

Analisi delle proposte

L’ amministrazione procedente provvederà a valutare le proposte pervenute, per ciascun lotto, verificando la rispondenza della proposta economica più elevata al valore effettivo del bene.

Se ritenuta accettabile sotto il profilo della congruità, la suddetta proposta economica più elevata costituirà individuazione della base d’asta. Previa adozione dei relativi provvedimenti, sarà formulato l’elenco dei soggetti da invitare alla procedura negoziata per l’alienazione dei singoli lotti.

Nel caso in cui per un determinato lotto venga presentata una sola proposta l’Amministrazione si riserva la facoltà di non procedere alla successiva fase di gara, o, in alternativa, di procedere comunque estendendo l’invito anche ai soggetti che abbiano presentato proposte per gli altri lotti.

 

 

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Dott.ssa Roberta Pramaggiore, Tel. 0332/255.908 – Fax 0332/255932.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.