400mila italiani a letto, ma non è ancora influenza

Raffreddore, tosse e febbre: il freddo porta con sè i sintomi para-influenzali. Intanto dal 6 novembre sarà disponibile il vaccino, per il virus che arriverà dalle isole Salomone

Prima arriva il mal di gola, poi il raffreddore, quindi una leggera febbre. Sembra l’influenza, ma non è assolutamente questo virus la causa di tali sintomi, che hanno messo a letto 400mila italiani in questi giorni. «I virus dell’influenza qui in Italia non sono ancora stati isolati» assicura la dottoressa responsabile dei progetti di prevenzione della Asl, Franca Sambo: «Si tratta di virus para-influenzali che provocano forme di raffreddore e malessere».
 
Il virus dell’influenza arriverà in Italia più tardi, ma a complicare la vita quotidiana (in particolare quella degli anziani) ci pensa questa pre-influenza. Probabilmente ad incentivare queste forme sono stati i continui sbalzi di clima, che creano le condizioni adatte al proliferare dei virus simil-influenzali: «Come al solito quando inizia la stagione più fredda si crea un rallentamento delle capacità respiratorie, che ci rendono più vulnerabili», spiega Sambo, «Inoltre si tende a stare in luoghi chiusi, dove i virus si trasmettono più facilmente». La soluzione? «È molto importante lavarsi sempre bene le mani, e metterle davanti alla bocca quando si tossisce».
 
Intanto da circa una settimana sono attivi sul territorio nazionale i medici "sentinella", cioè quei medici incaricati di verificare tutta la sintomatologia della vera influenza, per capire quando il virus arriverà in Italia. Quest’anno l’origine è stata identificata nelle isole Salomone. «Non è possibile dire quando si diffonderà esattamente», afferma l’esperta, «In genere però negli anni passati abbiamo avuto un picco a fine gennaio e febbraio». L’Asl sta già provvedendo a distrubuire il vaccino, che sarà disponibile a partire dal 6 novembre.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.