A Bergamo la scienza per tutti

Inaugura mercoledì la fiera dell'innovazione, con tanti eventi e laboratori che animeranno la città. Le prenotazioni sono da record

Oltre 80 appuntamenti di divulgazione scientifica con ospiti di altissimo livello: questo è il fitto calendario di incontri della V edizione di “BergamoScienza”, la rassegna che si terrà a Bergamo dal 1 al 21 ottobre. Confermata la formula vincente dello scorso anno: tre settimane dense di conferenze, tavole rotonde e incontri con gli studenti, oltre agli eventi che animeranno la città durante tutta la kermesse. Anche quest’anno, come sempre, tutti gli appuntamenti saranno gratuiti.
  
La manifestazione non si svolgerà solo in Città Alta: dopo gli oltre 65mila appassionati di scienza riversatisi a Bergamo in soli 18 giorni nell’edizione 2006, BergamoScienza quest’anno si svolgerà, oltre che nei tradizionali spazi del centro storico, anche in nuovi luoghi in Città Bassa.
 
Ad aprire e chiudere la manifestazione due dei massimi esponenti del panorama scientifico contemporaneo: Ioannis Yannas, inventore della pelle artificiale e professore del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston, e Roald Hoffmann, premio Nobel per la Chimica nel 1981 per aver spiegato alcuni meccanismi fondamentali delle reazioni chimiche.

 BergamoScienza proporrà fino al 21 ottobre oltre 50 tra mostre, laboratori interattivi ed eventi ospitati in sedi storiche della Città Alta, tra cui la Porta di Sant’Agostino e l’ex convento di S. Francesco, e nei nuovi spazi in Città Bassa, come i palazzi del Comune e della Provincia. Ultimo appuntamento sabato 20 ottobre al San Raffaele a Milano con Porte aperte alle neuroscienze: conferenze con grandi esperti, visite guidate ai laboratori e sperimentazioni pratiche mostreranno a studenti e amanti della scienza le attuali conoscenze sul nostro cervello, gli strumenti diagnostici oggi a disposizione della medicina e le più recenti strategie terapeutiche per combattere le malattie che possono colpire questo organo.

Il ciclo delle conferenze prenderà il via ufficialmente venerdì 5 ottobre con la medicina rigenerativa: potremo un giorno far ricrescere anche nell’uomo gli organi seriamente danneggiati? Ne parlerà a BergamoScienza l’inventore della pelle artificiale Ioannis Yannas, docente del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston. A introdurre l’incontro sarà Luigi Nicolais, ministro per la Funzione pubblica e presidente COTEC – Fondazione per l’Innovazione Tecnologica.

Anche quest’anno tornano i Nobel a BergamoScienza: domenica 14 ottobre, infatti, concluderà i fine settimana dedicati alle conferenze Roald Hoffmann, non solo vincitore del premio per la chimica nel 1981 ma anche poeta e autore teatrale. Il suo scritto “Se si può, si deve?” sarà rappresentato per la prima volta in Europa sabato 13 ottobre alle 21.

Tutte le conferenze sono di grande attualità e prevedono la presenza di ospiti di altissimo profilo. Tra i numerosi scienziati, ci saranno Samuel Braunstein, professore dell’Università di York, recentemente balzato agli onori della cronaca per aver realizzato con successo il primo esperimento di “teletrasporto” grazie alla teleclonazione quantistica, Laura Beani, professore di Zoologia all’Università di Firenze, che racconterà come gli aironi imitino i pescatori o gli scimpanzè siano capaci di usare il telefono, Andrea Viterbi, scienziato e imprenditore, inventore di un algoritmo che fa funzionare ogni giorno milioni di telefoni cellulari, Bruno Coppi, professore di Fisica al MIT di Boston, che farà il punto sulla realizzazione di reattori a fusione nucleare, William J. Mitchell, professore di architettura e media arts al MIT, che mostrerà come sarà la città del futuro e quanto diventeranno “intelligenti” le nostre case, Luca Cavalli Sforza, professore emerito di genetica all’Università di Stanford, che farà il punto su come la mappatura del DNA cambierà la nostra vita e Philipp Bonhoeffer, cardiologo dell’University College di Londra, che illustrerà una nuova tecnica per sostituire nei bambini una valvola cardiaca senza ricorrere alla chirurgia a cuore aperto.
 
E poi ancora temi di drammatica attualità con Kerry Emanuel, professore di meteorologia del MIT, che, ricordando la tragedia dell’uragano Katrina abbattutosi due anni fa sugli Stati Uniti, illustrerà il vero costo dei cambiamenti climatici; con Christian Strassburger, professore della Charitè University di Berlino e inventore di un nuovo metodo per smascherare il doping sportivo; con Mario Raviglione, direttore del dipartimento Stop TB dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che illustrerà, all’alba del terzo millennio, quanto sia ancora attuale il problema della tubercolosi; con John P. Donoghue, docente di Neuroscienze e pioniere nell’istallazione di microchip nel cervello dell’uomo per riparare i danni di lesioni spinali; con monsignor Marcelo Sanchez Sorondo, Vescovo e Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia per le Scienze Sociali, che parlerà del rapporto tra scienza e fede nel terzo millennio.

Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito www.bergamoscienza.it.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.