Abbattuti i cartelli che indicano il sacrario dei partigiani

Pochi giorni prima delle celebrazioni dei 12 partigiani uccisi a Luino per la terza volta è stata abbattuta la segnaletica da mano anonima

Per la terza volta in poco tempo le indicazioni che portano al sacrario dei caduti della Gera sono state abbattute da mani anonime. Nel 53esimo anniversario dell’uccisione dei 12 partigiani del gruppo Lazzarini che si nascondevano alla Gera, pianoro appena sopra Voldomino, non è mancato l’atto di sfregio alla memoria di questi 12 giovani partigiani che hanno combattuto per liberare l’Italia dal fascismo e dal nazismo. Così domenica 7 ottobre (foto in alto), come avviene da 53 anni, le autorità si sono ritrovate alla cappella eretta in loro ricordo per celebrarne il sacrificio. Partigiani dell’Anpi, i sindaci del circondario, autorità e rappresentanti dei partiti si sono trovati per la messa mentre la sera prima dalla chiesa di Voldomino era partita una fiaccolata anche per dare un segno contro questi atti di sfregio inutili.


A segnalare il fatto è Giovanni Petrotta, componente tra i più attivi dei Democratici di sinistra luinesi e studioso appassionato di quel periodo storico:«Ogni volta che il cartello viene rimesso in posizione qualcuno va a buttarlo giù – spiega Petrotta – ed è già la terza volta che accade». Il fatto che alcuni soggetti arrivino in questa zona abbastanza isolata e su una strada buia per buttare giù i cartelli fa pensare che si tratti di personaggi per i quali la Resistenza non è un valore da difendere. Per chi ogni anno si reca alla cappella per ricordare quei martiri è un affronto che sa di fascismo. La Gera è un luogo molto importante per i luinesi anche perchè molti di quei partigiani, appena ventenni, erano del luogo. I dodici furono fucilati a gruppi da tre o quattro lungo la strada che porta a Varese a monito della popolazione locale perchè non si desse alla lotta partigiana. L’ultimo gruppetto fu fucilato alle Bettole di Varese

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.