Abc, buona la terza. Saronno ancora al palo

La squadra di Zambelli la spunta ad Anzola con un Rovera in gran serata. La Vertical perde un'occasione mentre Legnano (Moscatelli 30) domina Ravenna

Si muove la classifica della Robur et Fides, cresce quella della Marcora Legnano, rimane a terra quella della Vertical Vision Saronno. Questi in sintesi i verdetti della terza giornata di B2 disputatasi tra sabato e domenica, al termine della quale rimane al comando il terzetto formato da Verona, Padova e Cremona.

ANZOLA – ABC VARESE 70-73 - La Robur rompe il ghiaccio espugnando il campo bolognese di Anzola dove gioca ancora una vecchia gloria come Gus Binelli. La chiave del successo è stata la maggior freschezza dei giovani di Zambelli: Rovera è stato prima punta in attacco (24), Genovese ha colpito da fuori (19) mentre Davide Rosignoli ha dominato l’area catturando 14 rimbalzi. E così Varese è risalita nel corso del match dopo un avvia un po’ troppo "diesel" (-10 alla prima sirena); dopo l’intervallo è arrivato il primo sorpasso gialloblù, poi è stato un testa a testa fino al termine deciso dalla quarta tripla di Rovera e da un contropiede innescato da Ucelli e chiuso da Premoli.

VERTICAL V. SARONNO – CAVRIAGO 63-67 – Si mangia le mani la Vertical di Tritto, ancora a zero in classifica. Al contrario della Abc la Vertical è partita meglio nella prima parte di gara per poi farsi raggiungere in un pessimo secondo periodo chiuso con un parziale di 5 a 6. La partita è poi vissuta in equilibrio, ma quasi sempre con Saronno avanti (Bazzani 23 punti) fino alla beffa finale firmata da Vendramini con una tripla clamorosa.

MARCORA LEGNANO – RAVENNA 74-60 – Bella vittoria sul parquet di Castellanza per la Marcora di coach Corrado. Priuli e compagni si sono imposti con una prova di carattere attestandosi così a ridosso del terzetto di testa. Gran cerimoniere della serata è stato Simone Moscatelli: l’ala del ’76 ha realizzato 30 punti con percentuali ottime (6/10 da 2, 6/8 da 3) e catturato ben 12 rimbalzi.
La svolta è arrivata dopo l’intervallo, al quale si era giunti in perfetta parità (34-34). Al rientro Legnano ha subito dettato legge (bene anche Lombardi e Priuli) e con Moscatelli a tutto gas ha letteralmente travolto Ravenna davanti alle tribune in festa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.