Accam, Cicero rientra nei ranghi

La società affida ad un comunicato la rettifica del presidente. Per Cicero, che si dice frainteso, servono al più presto nuovi impianti di compostaggio in provincia

Dopo il clamoroso misunderstanding tra il presidente Paolo Cicero e i suoi consiglieri d’amministrazione circa la raccolta differenziata dell’umido, il "caso Accam" si conclude oggi con un comunicato che appiana in qualche modo i contrasti.

Scrive Cicero: "Il presidente, in relazione alle notizie di stampa, concorda con la posizione del consiglio di amministrazione nel confermare l’impegno di Accam ad essere parte integrante del Piano Provinciale dei Rifiuti e delle strategie definite dai sindaci Soci nei loro rispettivi ambiti territoriali. Concorda con il consiglio sulla necessità di un rapporto collegiale con la stampa.

Ritiene doveroso un passaggio in Assemblea per chiarire e dissipare con i soci le incomprensioni insorte dalla lettura dell’articolo apparso su "La Prealpina" il 28.09.2007, il cui titolo, peraltro, non rappresentava la sintesi del contenuto dell’articolo stesso. Il presidente conferma che nell’articolo in questione voleva esprimere, a causa delle preoccupazioni per la mancanza attuale degli sbocchi, la necessità di una accelerazione nella realizzazione degli impianti previsti nel Piano Provinciale Rifiuti. Il presidente conferma il suo fermo convincimento sulla validità delle linee strategiche del piano per non vanificare gli sforzi delle amministrazioni nell’ultimo decennio".

Traduzione: alla stampa si parla solo tutti insieme, e non in ordine sparso (anche a Roma il governo ne ha già avuto a suo tempo amara cognizione, ndr); se vi sono state incomprensioni, ne discuteremo, ma è (anche) colpa della stampa. Servono gli impianti di compostaggio in provincia, ribadisce poi Cicero, garantendo che la linea d’azione fin qui perseguita da Accam non sarà alterata, nell’interesse dell’azienda stessa e dei Comuni soci.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.