Aggressione in villa, spuntano nuove piste

Si indaga in diverse direzioni, per capire i contorni dell’aggressione di sabato sera a Gallarate

Si indaga in diverse direzioni, per capire i contorni dell’aggressione di sabato sera a Gallarate. Una rapina in villa, secondo quanto raccontato dai coniugi Ugolini, commercianti di materiali ferrosi che hanno spiegato di aver subito un’aggressione da parte di un commando di incappucciati, che li ha malmenati e legati. L’aggressione ha causato ai due coniugi ferite alla testa. Secondo gli inquirenti è però una rapina anomala. Le indagini puntano da una parte all’assalto in villa compiuto da una banda dell’est. Ma non solo: si indagherebbe anche su una aggressione mirata, legata all’attività lavorativa di Bruno Ugolini, titolare della Sir, “Società italiana rottami”, un’azienda che opera nel settore del materiale ferroso.

 A questo proposito, lo stesso Bruno Ugolini, oggi specifica quanto emerso nei giorni scorsi, in merito al coinvolgimento dell’imprenditore in una operazione dei carabinieri di Tradate che portò alla denuncia di diverse persone per riciclaggio di materiale ferroso rubato: «Non sono mai stato denunciato – dice Bruno Ugolini – in realtà io mi sono sempre comportato con correttezza, i carabinieri mi hanno anche fatto i complimenti e smentisco che vi sia un’indagine nei miei confronti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.