AirOne, nuovi motori per aiutare l’ambiente

Air One è la prima compagnia aerea al mondo ad utilizzare sui propri Airbus il motore CFM56-5B6/3 che abbatte sensibilmente le emissioni dannose

Air One è la prima compagnia aerea al mondo ad utilizzare sui propri Airbus il motore CFM56-5B6/3 che abbatte sensibilmente le emissioni dannose per l’ambiente. Il nuovo motore consente di ridurre sia i consumi di carburante e quindi di anidride carbonica (CO2), che le emissioni nocive di ossidi di azoto (NOx). I motori saranno installati sui novanta Airbus A320 che entreranno in flotta entro il 2012 e che sono già in consegna ad Air One: il nono Airbus A320, disponibile dal 27 settembre, è il primo ad esserne dotato. I motori dei precedenti otto Airbus, già presenti in flotta, saranno progressivamente modificati per garantire le stesse prestazioni: «La scelta di Air One di investire in motori “ecologici” ad alto contenuto tecnologico rientra in una più ampia strategia della Compagnia volta a creare valore attraverso un servizio di massima qualità. E per qualità si intende anche l’impegno per il rispetto ambientale, una flotta rinnovata e competitiva, una continua attenzione per il cliente, una maggiore efficienza nella gestione» ha spiegato Lino Bergonzi, direttore generale di Air One. 

Il nuovo motore CFM56-5B6/3 abbatte le emissioni di ossidi di azoto prodotto dalla combustione del carburante del 40% rispetto ai parametri consentiti dalle regolamentazioni internazionali vigenti.

Il nuovissimo motore consente di ridurre del’1% i consumi di carburante, con conseguenti minori emissioni di CO2: ciascun aeromobile ogni anno emetterà 230.000 kg in meno di anidride carbonica. Nel 2012, quando Air One avrà in flotta tutti i novanta A320, la riduzione complessiva delle emissioni di anidride carbonica degli aerei sarà pari a circa 21 milioni di kg all’anno. I nuovi CFM56 consentiranno anche livelli di inquinamento acustico più bassi di quelli previsti dalla normativa e processi più efficienti di manutenzione, con una riduzione dei relativi costi di circa il 12% in 15 anni.  

CFM International, leader internazionale per i motori di aerei a medio raggio, ha insignito AiOne del prestigioso riconoscimento di “Compagnia aerea più rispettosa dell’ambiente 2007”, premiando la sua scelta di investire in motori a basso impatto ambientale destinati all’intera flotta di Airbus A320. Gli aerei “ecologici” saranno riconoscibili dal logo verde applicato sulle carlinghe che riporta la dicitura di compagnia “Environmentally Friendly”. Secondo l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) delle Nazioni Unite, il trasporto aereo è responsabile solo per il 2% della produzione globale di CO2, un valore sei volte inferiore a quello, per esempio, del trasporto su strada. Secondo le proiezioni dell’IPCC nel 2050 l’industria del trasporto aereo produrrà il 3% di CO2 globale, con un effetto del 5-6% sul cambiamento del clima. Il trasporto aereo impatta solo marginalmente sui fenomeni di cambiamenti climatici. L’industria aeronautica ha già ridotto, dal 1955 al 2005, del 70% il consumo carburante/pax km ed è costantemente impegnata con notevoli investimenti in ricerca e sviluppo ad abbattere i consumi di fuel, le relative emissioni e così consentire uno sviluppo sostenibile del settore. Attraverso il coinvolgimento delle istituzioni e dei governi sarà possibile ottimizzare il sistema del trasporto aereo nel suo complesso e ridurre i percorsi delle rotte: questo impegno collettivo si stima possa portare ad un’ulteriore risparmio dei consumi di carburante/pax km par al 18% entro il 2050. Già nel 2006 l’intervento congiunto della IATA e di alcuni Governi ha portato all’ottimizzazione di alcune rotte assicurando tempi di voli inferiori: questo ha permesso una riduzione di emissioni di CO2 pari a 6 milioni di tonnellate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.