Apri gli occhi sul Barocco. Incontri, un libro e una mail

Parte l’iniziativa promossa da VareseVive dedicata alla riscoperta delle opere barocche di Varese

«Se ti guardi in giro scoprirai cose meravigliose» si potrebbe sintetizzare così il nuovo progetto promosso da VareseVive sulle tracce dei capolavori barocchi di Varese. Si parte con un libro “Occhio al Barocco” scritto da Silvano Colombo e illustrato con le foto di Antonio Bandirali. «Non un manuale – ci tiene a precisare Giuseppe Redaelli Presidente dell’Associazione – non una guida, ma un sussidio didattico multimediale, anche se stampato, che aiuta a guardare e comprendere l’opera barocca». Il volume edito da Lativa  accompagna nella visita “Le gite, una per una” partendo dal sommo capolavoro della decima cappella in cima la Sacro Monte «opera importante di Dionigi Bussola – spiega Silvano Colombo – che è emblema di ciò che il barocco vuole rappresentare. La Madonna sta per svenire, in una scena drammaticamente teatrale, che spiega cosa sta accadendo. Il movimento, la fattura e i colori fanno di queste opere scultoree veri capolavori».

Lo stile seicentesco si manifesta anche in diverse chiese e palazzi della città, dove architetture reali si mescolano a quelle finte decorate su pareti e soffitti, dove la pomposità del barocco lascia il passo al più elegante e raffinato barocchetto. Le opere vanno viste e gustate nei particolari. Ogni dettaglio riempie la scena e conduce lo spettatore dentro il racconto. Così il grande affresco della Chiesa di San Martino in piazza Cacciatori delle Alpi dedicato al martirio di San Lorenzo introduce al dramma con una suprema impaginazione scenografica dove gli atti e i gesti dei personaggi guidano lo sguardo verso il centro dell’affresco.

Per riscoprire il barocco varesino VareseVive organizza un calendario di visite guidate che si concluderanno martedì 11 dicembre presso la Basilica di San Vittore con il concerto Barocco realizzato in collaborazione con il Rotary Club di Varese.

L’avventura barocca non si ferma qui e l’associazione ha attivato una mail occhioalbarocco@infopoint.it dove poter scrivere, chiedere e commentare.

Lo studio di grandi capolavori proseguirà il prossimo anno con l’iniziativa “La luce di Lombardia” in un percorso didattico turistico che affronta la ricerca della natura e della luce da Leonardo a Caravaggio con l’esposizione di una tela “Il sacrificio di Isacco” del grande maestro seicentesco.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.