Attentati incendiari: “I due arrestati dietro la sigla Vdt”

Varese - I roghi furono firmati da "Vigilanza Democratica Territoriale". E intanto nell'inchiesta principale spuntano adesivi islamici trovati a casa di un indagato

Sono indagati per incendio doloso e tentata estorsione le due persone arrestate dalla Digos per i due attentati incendiari a Buguggiate e in Val Sesia.
Si tratta di Carlo Ariosto, 51 anni e Alessandro Campesi, 57 anni, il primo antiquario il secondo gioielliere. Entrambi residenti a Milano, frequentano ambienti di destra e pare che dietro i gesti ci sia una faida interna con in ballo soldi e attività economiche.

Un particolare curioso: Ariosto è il fratello di Stefania Ariosto (totalmente estranea ai fatti), la nota "teste Omega" dei processi contro Cesare Previti.

E mentre la parte politica dell’inchiesta va avanti e anzi si arricchisce di nuovi particolari, come il sequestro di adesivi inneggianti agli sciiti Hezbollah libanesi, gli inquirenti, sul fronte delle intimidazioni emerse negli ultimi mesi, ritengono di aver individuato con certezza gli incendiari. Ariosto e Campesi avrebbero anche realizzato le lettere anonime scritte a macchina e firmate con la sigla "Vigilanza democratica territoriale".

Quanto alla pericolosità dei due arrestati, che hanno entrambi precedenti di polizia (denunce per estorsione), è tutta da verificare anche se, nel secondo incendio, gli inquirenti hanno trovato un meccanismo a innesco che non pare roba da principianti. I due indagati sono stati arrestati ieri pomeriggio (giovedì), ha chiarito il pm Luca Petrucci, perché vi sarebbe pericolo di reiterazione del reato. Francesco Lattuada, il presidente della cooperativa Rivendell presa dai mira da Vdt, ora commenta così: “Sono un po’ più tranquillo ma sono anche confuso e non ho spiegazioni. Attendo anche io il lavoro dei magistrati”

Petrucci e il procuratore capo Maurizio Grigo continuano a indagare anche alla luce delle nuovi particolari emersi: i 17 adesivi ritrovati, quadrangolari e di 10 centimetri, avevano una misteriosa scritta in italiano “nella guerra epocale tra l’uomo e l’oro Hezbollah ha vinto”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.