Bambini a mensa solo se iscritti al doposcuola, anche breve

Partirà il prossimo 19 novembre il servizio di dopo scuola breve. Si tratta della proposta concordata tra famiglie e assessorato per regolamentare l'iscrizione alla mensa

La notizia che l’amministrazione comunale "vietava" la mensa ai bambini che non frequentano il dopo scuola aveva provocato una sommossa dei genitori. L’assessore ai servizi educativi Patrizia Tomassini, davanti ai costi elevati del servizio di sorveglianza durante la pausa pranzo, aveva deciso di intervenire riservando i posti a tavola a quanti si fermavano anche il pomeriggio così da giustificare la presenza degli educatori pagati dal Comune.

Le proteste dei genitori, impossibilitati ad arrivare all’uscita da scuola per prendere i propri bimbi, aveva condotto ad una trattativa conclusasi con un compromesso, presentato lo scorso 18 ottobre nel corso del consiglio comunale: l’istituzione di un servizio di doposcuola breve tra le 14 e le 15 che accontenta tutti: i genitori che possono raggiungere la scuola con tutta tranquillità e l’amministrazione comunale che riesce a giustificare le spese del servizio.
Il dopo scuola avrà inizio il prossimo 19 novembre. Per parteciparvi, i genitori devono presentare domanda attraverso moduli che saranno consegnati agli alunni o che potranno essere ritirati presso gli uffici dei servizi eduvativi.

Il modulo di iscrizione dovrà essere riconsegnato entro e non oltre il 5 novembre 2007 direttamente all’Ufficio Rette e Tariffe presso la sede dei Servizi Educativi di via Cairoli 6 (primo piano) dal lunedì al giovedì nella fascia oraria 8:30-13:00, 14:00 – 17:00 e il venerdì nella fascia 8:30 – 12:00, oppure alle educatrici comunali presenti nel plesso scolastico.
L’accoglimento delle domande è subordinato alla capienza degli spazi scolastici destinati al doposcuola.
La quota fissa del servizio è di € 25,00 mensili da corrispondere indipendentemente dal numero delle giornate di presenza.
In via straordinaria il periodo 19 novembre – 31 dicembre 2007 sarà conteggiato come un unico mese di frequenza (costo di € 25,00).
Il pagamento del servizio avverrà mediante bollettino postale insieme alla quota dovuta per la refezione scolastica.
A partire dal 19 novembre, quindi, i bambini non iscritti al servizio di doposcuola o di doposcuola breve non saranno ammessi al servizio di refezione durante i giorni di non rientro pomeridiano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.