Bianchi ai sindaci del Cuv: “Verrò a Malpensa”

Il ministro dei Trasporti ha anche garantito il proprio impegno personale alla garanzia dei livelli occupazionali del territorio

Un incontro proficuo che apre spiragli per il futuro del territorio. I rappresentanti del Cuv (Consorzio Urbanistico Volontario) si sono recati a Roma per incontrare il ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi e il suo staff. Una riunione fissata da tempo, inserita in un percorso che affonda le proprie radici lontano e che nel contesto di oggi, con le nubi che si addensano sul futuro di Alitalia e di Malpensa, assume un’importanza ancora maggiore. Parecchi i temi sul piatto, dall’eliminazione dei voli notturni alla richiesta di aumentare il personale Enac ed Enav a Malpensa, fino alle rimostranze per la mancata attivazione della commissione sul rumore, e quelle per i fondi del 2006 per la tassa sul volo, non ancora corrisposti ai Comuni del sedime aeroportuale. Si è parlato anche, e non poteva essere altrimenti, di Malpensa: la richiesta dei primi cittadini di Somma Lombardo, Ferno e Lonate Pozzolo presentata all’ultima riunione del Cuv, andava proprio nella direzione di far presente al ministro la tensione del territorio intorno allo scalo per le possibili ripercussioni sull’occupazione dovute alle scelte di Alitalia, preoccupazione dilatata dai silenzi che Provincia di Varese e gli stessi amministratori sopra citati imputano al Governo.

Bianchi, non presente fisicamente alla riunione con Giorgio Merletti, sindaco di Arsago Seprio e presidente di turno del Cuv, Silvano Bosco, sindaco di Vizzola Ticino, Vittorio Solanti, sindaco di Somarate, Mario Aspesi, sindaco di Cardano al Campo e Tiziano Marson, vicesindaco di Casorate Sempione, ha assicurato (telefonicamente) che si impegna in prima persona a difendere l’occupazione a Malpensa, garantendo contemporaneamente che verrà sul territorio quanto prima per poter sentire in prima persona le istanze e le preoccupazioni di chi si sente minacciato. Questa disponibilità del ministro potrebbe cambiare le carte in tavola, facendo tornare sui propri passi Marco Reguzzoni, presidente della Provincia di Varese, che nel corso di una conferenza stampa la scorsa settimana aveva minacciato di bloccare gli aerei Alitalia se Bianchi non fosse venuto a Malpensa. Vedremo cosa succederà.

Oltre all’argomento scottante del futuro dello scalo, i rappresentanti del Cuv si sono confrontati con Bruno Placidi, capo della segreteria del Ministro dei Trasporti e Fulvio Landi, consigliere del Ministro per i rapporti industriali: con loro è stato fissato un nuovo appuntamento tecnico entro un mese per affrontare le altre questioni sul piatto  

«I sindaci, a nome anche dei colleghi che non hanno potuto partecipare (Somma Lombardo, Lonate e Ferno per scelta, Golasecca per motivi personali, ndr), ma che comunque erano presenti nella riunione preparatoria del Cuv avvenuta lunedì 15 ottobre a Somma Lombardo, hanno illustrato ai collaboratori del Ministro la posizione del territorio di Malpensa che invoca un impegno preciso sul futuro dell’aeroporto che deve saper garantire lo sviluppo di Malpensa e, quindi, la difesa dell’occupazione e ciò deve avvenire, nel contempo, nel rispetto delle regole e dell’ambiente – si legge nella nota diffusa al termine dell’incontro -. Il Ministro Bianchi, contattato telefonicamente, ha innanzitutto garantito l’impegno personale, del suo ministero, nonché l’impegno politico dell’intero Governo in difesa  dei livelli occupazionali di Malpensa. Inoltre il Ministro ha aderito all’invito dei sindaci presenti a venire sul territorio per affrontare insieme il futuro di Malpensa. Successivamente – prosegue la nota – si è definito un incontro tecnico  tra i sindaci del Cuv e i tecnici del ministero che avverrà entro la metà del mese di novembre per riaffrontare i tempi già sollevati nel precedente incontro del 29 marzo, vale a dire commissione rumore, voli notturni e personale Enac».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.