Birmania libera e democratica: prosegue l’iniziativa della Provincia

Sono oltre 350 le email arrivate alla casella birmanialibera@provincia.milano.it

Non cala l’attenzione di cittadini, sindaci e amministratori, rappresentanti del mondo delle associazioni dell’area metropolitana milanese e da tutta Italia per la Birmania e le gravissime violenze con cui il regime di Myanmar ha represso le manifestazioni di protesta guidate dai monaci buddisti, in marcia per la democrazia e la libertà.

Ad oggi, sono oltre 350 le email arrivate alla casella aperta dalla Provincia, birmanialibera@provincia.milano.it, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle violazioni dei diritti umani che si stanno consumando in Birmania, per esprimere solidarietà e vicinanza a un popolo che sta lottando anche a costo della vita, e auspicare una risoluzione pacifica.

Tantissimi i messaggi di solidarietà arrivati e che continuano ad arrivare, così come sono molti i Comuni della Provincia che si sono attivati per questa iniziativa, chi facendo proprio nei consigli comunali l’appello lanciato dal presidente Filippo Penati, chi contribuendo alla diffusione dell’iniziativa sul portale istituzionale del Comune.

L’appello rimane aperto. La Provincia di Milano invita tutti coloro che non l’avessero ancora fatto ad aderire e segnala che da oggi è possibile farlo direttamente sul portale della Provincia di Milano, www.provincia.milano.it.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.