Caro sindaco…viene a vedere il nostro libro tattile?

La presentazione dell'opera realizzata dai ragazzi della 2C in programma sabato 13 ottobre alla biblioteca di Tradate

Un invito davvero speciale, di quelli che non si possono rufiutare. Destinatario il sindaco di Tradate Stefano Candiani che pochi giorni fa ha ricevuto la lettera degli studenti  e delle studentesse della classe 2C della Scuola Media Paolo VI – Istituto Pavoni. Nelle due pagine scritte a mano i ragazzi raccontano al sindaco la loro esperienza di "scrittori" e lo invitano alla presentazione del loro libro che si terrà sabato 13 ottobre alle ore 15.30 alla Biblioteca di Tradate.

"Caro sindaco – si legge – possiamo darle del tu? Sappiamo che sei abituato ad avere a che fare con scrittori più celebri, ma stavolta gli autori protagonisti saremo noi". Cinque mesi fa infatti gli alunni della 2C hanno accettato la sfida della «fantastica» bibliotecaria che ha proposto loro di provare a «leggere con le mani – continuano i ragazzi -. All’inizio non eravamo per nulla convinti. Poi, sapendo che avremmo saltato ore di italiano, abbiamo accolto l’idea con entusiasmo». Primo passo quindi, inventare una storia che potesse essere convertita in un libro tattile. Dopo averla creata, è finalmente arrivata  la parte più divertente del lavoro. «La classe si è riempita di ogni cosa – scrivono a Candiani -: da spugne a cuffie da doccia, da tessuti di ogni tipo a detersivi per lavastoviglie . Alla fine, dopo mille difficoltà, il nostro libro era lì, pronto per partecipare al concorso». L’opera infatti sarà presentata a un concorso internazionale in Europa. Insomma, un motivo in più perchè il sindaco accetti l’invito.

L’incontro di sabato sarà anche l’occasione per presentare il sistema per ipovedenti già attivo nella biblioteca di tradate e finanziato dalla Fondazione Cariplo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.