Consiglio comunale, piatto forte la 3SG

Ricco question time, utilizzo dell'avanzo di amministrazione e relatova variazione al bilancio di previsione in una seduta finita a tarda notte

Lungo consiglio comunale a Gallarate. Nella sala consiliare di largo Camussi piatto forte la modifica dello statuto della 3SG, l’azienda socio sanitaria gallaratese. Dopo la nomina nella tarda mattinata di lunedì 15 ottobre del nuovo direttore generale, Franco Rudoni, nell’assemblea cittadina si è discusso della nuova forma dello statuto: maggior equilibrio tra i poteri di consiglio di amministrazione, che darà le linee di indirizzo, e direttore generale, che avrà la responsabilità di gestire la struttura, il personale, e le procedure di accreditamento. Tutto orientato alla possibile futura trasformazione della 3SG in fondazione: la decisione spetterà al consiglio comunale, mentre il cda dovrà gestire il processo. Il sindaco darà parere obbligatorio e non più vincolante sulla nomina del direttore generale. Polemiche dell’opposizione sulla mancanza di un membro delle minoranze nel cda: Mucci ha spiegato che non dovrebbe essere solo un “controllore”, ma condividere le linee guida e gli obiettivi.  

È poi stata approvata una variazione di bilancio di 650 mila euro con parziale applicazione dell’avanzo di amministrazione: 50 mila andranno alla Protezione Civile, 200 mila alla Fondazione Culturale per l’acquisto di impianti. Il dibattito si è acceso in particolare per gli attacchi delle opposizioni ad Amsc, accusata di assorbire fondi e produrre sempre meno utile. Ad inizio seduta lungo question time ricco di materiale e sollecitazioni al Comune. Raffaele Apicella (Margherita) ha raccolto le proteste dei cittadini di Madonna in Campagna per la decisione di installare un’altra antenna per la telefonia mobile: l’amministrazione ha garantito che proverà a far cambiare idea al gestore; Cinzia Colombo (Prc) ha chiesto conto dello stop dei lavori in piazza Risorgimento e il Comune ha risposto che si sta aspettando la conclusione della rotonda di via Pegoraro e il IV Novembre, giorno della celebrazione dei Caduti; Aldo Lamberti (Ds) ha chiesto se e quando l’amministrazione voglia convocare la commissione Cultura e Mucci ha risposto che sarà fatto presto, con lo statuto della Gam in discussione e il bilancio della Fondazione Culturale dopo la fine della prima stagione; Giorgio Bisaccia (Ds) ha chiesto se il Comune è interessato all’acquisto dell’area del tiro a segno: l’amministrazione comunale ha detto sì e aspetta di capire la cifra fissata dal demanio; Giuseppe De Bernardi (An) ha chiesto di indagare sulle cause del deragliamento del treno di sabato scorso; Marco Casillo (Ds) ha infine chiesto che fine abbia fatto la commissione speciale Sanità centrata sul nuovo ospedale congiunta e il presidente del consiglio Donato Lozito ha garantito che sono in corso consultazioni con le amministrazioni interessate prima di convocare la prima seduta.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.