Duemilalibri tra recitazione e viaggi straordinari

Giovedì 18 ottobre per la rassegna del libro e dell’autore due appuntamenti alle 21: al Popolo "La Compagnia dei Non Attori", al Condominio Perrotti e il suo "Silenzi di sabbia"

Giovedì 18 ottobre proseguono gli appuntamenti con la rassegna del libro e dell’autore di Gallarate, organizzata dal Comune di Gallarate – Biblioteca Civica Luigi Majno, in collaborazione con la Fondazione Culturale 1860 Gallarate Città onlus, il Sistema Bibliotecario "Panizzi" e le librerie gallaratesi Carù, La Fonte, Rinascita e la bustese Boragno, che ha ottenuto il patrocinio e il contributo della Regione Lombardia – assessorato alle Culture, Identità e Autonomie, e il patrocinio della Provincia di Varese. Alle 18 al teatro del Popolo di via Palestro 5, Matteo Mainardi presenta "Gallarate all’opera. Un viaggio alla scoperta del teatro musicale gallaratese tra XVIII e XIX secolo". Matteo Mainardi, insegnante di Storia della musica e Letteratura poetica e drammatica al Civico Liceo Musicale “Riccardo Malipiero” di Varese, esperto di storia dell’editoria musicale, presenterà sotto forma di conferenza la sua ricerca tra documenti, fonti, testimonianze che presentano aspetti fondamentali della vita teatrale cittadina.  

Alle 21 al Teatro del Popolo “La Compagnia dei Non Attori” di Gallarate presenta "La vita quotidiana del borgo- I peccati del borgo",  libero adattamento teatrale di Bianca Vanotti Cotta tratto dal terzo quaderno dei Percorsi d’Archivio, pubblicati a cura della Biblioteca Civica “Luigi Majno” di Gallarate su ricerca di Angelo Barbieri e Amerigo Giorgetti. Una rappresentazione storica che ricostruisce uno spaccato di vita del sedicesimo secolo che riguarda fatti e personaggi di Gallarate: da non perdere la recitazione del segretario comunale Filippo Ciminelli e il cammeo dell’assessore alla Cultura Raimondo Fassa.

Sempre alle 21 nella sala conferenze del teatro Condominio Vittorio Gassman, incontro con Carla Perrotti e il suo "Silenzi di sabbia" (Corbaccio). Carla Perrotti, documentarista con una lunghissima esperienza di viaggi e spedizioni nei luoghi più selvaggi e inesplorati della terra (Amazzonia, Borneo, Papua Nuova Guinea, Africa), racconterà due delle sue imprese straordinarie: il deserto del Taklimakan, chiuso fra le montagne himalayane, secondo deserto al mondo dopo il Sahara per superficie inabitabile, che l’autrice ha attraversato da nord a sud per 550 chilometri (di cui 400 mai toccati da orma umana, in 24 giorni di solitudine assoluta), e il Simpson Desert australiano, 430 chilometri percorsi in 24 giorni tra dingo, falchi ed emù. Tra le altre imprese di Carla Perrotti, l’attraversamento del deserto del Ténéré in Niger, il Salar de Uyuni in Bolivia, una parte del deserto del Kalahari in Botswana.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.