“Edificio pericolante”: un ponteggio intorno a Palazzo Visconti

Un mese fa esatto le fiamme hanno distrutto parte dell’edificio cinquecentesco. Si è in attesa della copertura provvisoria prima che il maltempo faccia altri danni all’interno

Un mese fa esatto, il 28 settembre, l’incendio che ha distrutto Palazzo Visconti. Oggi, intorno all’edificio una recinzione che ne vieta l’ingresso a tutti. Unica scritta: “Edificio pericolante”. Ed è proprio per far fronte all’emergenza che è stato sistemato un ponteggio tutto intorno alla struttura cinquecentesca. A breve sarebbe dovuta arrivare una copertura provvisoria, prima dell’arrivo delle forti piogge, ma per ora esiste solo il ponteggio.
L’incendio, come ha dichiarato il sindaco Pierluigi Gilli, in un recente consiglio comunale, ha provocato diversi danni perché le fiamme, scaturite accidentalmente da una stufa, si sono propagate velocemente anche a causa delle vernici con cui erano state coperte le travi all’interno del palazzo. Ma i danni pare siano inferiori a quanto si paventava in un primo momento.

Galleria fotografica

Palazzo Visconti: "Edificio pericolante" 4 di 8

Ora, a guardare l’edificio, si vede una parte del tetto che non c’è più: si tratta dell’ala che dovrà essere ricostruita con il tempo. Intanto, il Comune ha già messo in moto la macchina per stanziare dei fondi straordinari, mentre anche la città si è mobilitata, attraverso la Società storica saronnese e la Pro Loco, con l’apertura di conti correnti dove è possibile effettuare donazioni destinate al restauro di Palazzo Visconti.
«L’importante è recuperare la struttura, rimetterla a nuovo – aveva dichiarato il primo cittadino nello stesso consiglio comunale -. Sulla destinazione futura si deciderà con il tempo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Palazzo Visconti: "Edificio pericolante" 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.