«Frontalierato, applicazione concreta della globalizzazione»

Robi Ronza, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia, traccia un bilancio positivo del fenomeno dopo l'annuale incontro bilaterale

Riceviamo e pubblichiamo.

La Lombardia è la regione italiana con
il maggior numero di lavoratori transfrontalieri, nel nostro
caso impiegati in Svizzera: quasi 35.000 nel 2004, e di nuovo in
crescita dopo un periodo di flessione.
Da questa riflessione è partito l’intervento del sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia, Robi Ronza, all’annuale
incontro, che si è svolto a Luino, tra una delegazione
svizzera e una italiana per presentare il rendiconto delle attività realizzate con i ristorni fiscali dell’anno precedente

e la quantificazione dei ristorni per l’anno in corso.

In forza di un accordo entrato in vigore nel 1979, i salari

pagati in Svizzera ai frontalieri lombardi, piemontesi o valdostani vengono tassati soltanto dal fisco elvetico. Poi però
il 40% di tali imposte viene trasferito (ristorno) ai Comuni in
cui risiedono (in Italia). Questa somme devono poi essere usate
per realizzare o riqualificare infrastrutture (strade, scuole,
ospedali, acquedotti) o per fare manutenzione a opere compiute
grazie a precedenti erogazioni.


«La realtà dei frontalieri – ha detto Ronza – se da un lato ha

delle sue specifiche difficoltà, dall’altro è importante non

solo per chi la vive, ma anche per tutta la nostra economia e

società. Anzitutto perché amplia il mercato del
lavoro e dà reddito e occupazione in località che altrimenti
rischierebbero spesso il declino. E poi perché il lavoratore,
vivendo ogni giorno un’esperienza di relazione con un altro
paese, diventa un importante ‘ponte’ naturale tra la terra dove
vive e quella dove lavora.

Nelle zone di frontiera l’internazionalizzazione e la
globalizzazione non sono concetti teorici – ha concluso Ronza –
ma esperienza comune di ogni giorno. E questo contribuisce
positivamente a creare una mentalità e a favorire una formazione
particolarmente adeguata al mondo di oggi. Perciò per la
Lombardia i frontalieri non sono un problema, ma una risorsa che
merita di essere valorizzata».


 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.