I Mastini non riescono a mordere

Varese perde a Caldaro (5-2) all'esordio, ma Malfatti è fiducioso. In C regionale i Killer Bees vincono a Como

Sono iniziati nel fine settimana i campionati di hockey su ghiaccio che vedono impegnate le due squadre senior di Varese. La grande attesa era per la C under 26, con cui i Mastini si sono riaffacciati sul palcoscenico nazionale.

UN PATTINO DI TROPPO – I ragazzi di Teo Malfatti sono usciti sconfitti dal ghiaccio di Caldaro con il punteggio di 5-2, al termine di una gara comunque positiva visti i pochi allenamenti nelle gambe e la caratura degli altoatesini, vicecampioni in carica del torneo.
La partita si è messa subito in salita per Varese, con un doppio vantaggio per i padroni di casa. I Mastini però reagiscono e con le reti di Sguazzero (su assist di Lunini) e di Lorini accorciano fino al 3-2 quando manca meno di un quarto d’ora al termine. Ci si mette anche la sfortuna, con tre pali e una traversa che impediscono il riaggancio e, dall’altra parte, propiziano il 4-2 del Caldaro realizzato con un pattino (gol regolare secondo le nuove regole). Nel finale poi i padroni di casa hanno arrotondato con il 5-2 conclusivo.
«Sono comunque fiducioso dopo questa partita» spiega il tecnico giallonero Malfatti. «Quel gol di pattino ci ha un po’ tagliato le gambe, ma non dimentichiamo che Caldaro è una formazione forte e abituata a giocare assieme mentre noi abbiamo potuto finora allenarci a singhiozzo».

API PUNGENTI – Ci mettono un tempo a carburare i Killer Bees, ma poi pungono quattro volte affondando il Como sul ghiaccio lariano nell’esordio della C regionale. Il derby, vissuto su un alto numero di penalità nel primo terzo, si è riacceso nel periodo centrale quando Terruggia, Galli e Suominen hanno scritto il proprio nome nel referto dei marcatori. Particolarmente bella la rete di Galli (2-0), partito dal terzo difensivo varesino e capace di dribblare tre avversari prima di mettere il disco alle spalle del portiere. Una volta messe le mani sulla partita, le Api hanno poi concluso con la rete di Malacarne a ristabilire il triplo vantaggio dopo che Pennisi aveva accorciato le distanze.
«Abbiamo sbagliato molti tocchi sottoporta e questo è un punto su cui dobbiamo migliorare – dice coach Diego Odino– in vista di partite più tirate di questa. Il penalty-killing ha funzionato molto bene, 1/11 è un ottima media , da migliorare invece il power-paly (1/14) che rimane il nostro punto debole a livello offensivo». Settimana prossima arriva un avversario con un nome che mette i brividi: i Devils Milano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.