Il gala dei Mastini, pronti al grande salto

L'Hockey Club Varese abbraccia con grande entusiasmo la nuova stagione agonistica. Attenzione rivolta ai giovani e al prestigioso ritorno dell'Under 26

Si alza il sipario su una nuova stagione per l’Hockey Club Varese. Nella splendida cornice dell’Art Hotel di Varese i dirigenti gialloneri hanno incontrato sponsor, tecnici e giornalisti in una conferenza stampa volta a presentare il nuovo cammino dei mastini. Presenti tra gli altri il presidente Maurizio Fiori, il direttore sportivo Claudio Pucci, e Massimiliano Monferini in rappresentanza di Fim Group, nuovo main sponsor della società varesina.

Ad aprire le danze è stato il presidente Fiori (nella foto), il quale ha tenuto a sottolineare i numeri dell’Hockey Club Varese, fondato appena due anni fa: «La società è nata dall’idea di alcuni genitori che volevano recuperare la grande tradizione hockeystica varesina. Ora possiamo contare su 130 tesserati e su circa ottanta ragazzi e bambini in fase di avvicinamento al gioco dell’hockey. Siamo presenti in tutte le categorie previste dalla Federazione Italiana Sport del ghiaccio e l’anno scorso abbiamo disputato la bellezza di 127 partite ufficiali». La novità di quest’anno è rappresentata dalla collaborazione con altre società sportive della Città Giardino quali la Varese Ghiaccio, la Polha e la Varese Olona Nuoto (presente in sala anche il suo presidente Fabio Fabiano).

La parola è poi passata a Claudio Pucci, che ha presentato la nuova stagione agonistica non prima di essersi tolto un sassolino dalla scarpa: «Sono contento perché finalmente si torna a parlare di sport (il riferimento, neanche troppo velato, è alla questione Palaghiaccio, ndr) e perché quest’anno abbiamo un tetto, l’Under 26, che aiuterà a crescere i nostri atleti più giovani. In questo senso è molto importante il lavoro sinergico con i Milano Vipers: le due società manterranno un’identità ben distinta e, perché no, una sana rivalità, ma questa collaborazione risulterà fondamentale per il bene del nostro sport». Ovviamente l’attesa più grande riguarda i ragazzi dell’Under 26 di Matteo Malfatti, «una squadra molto giovane che cercherà di emergere giocando al massimo ogni singolo match». Davvero interessante poi il progetto sportivo 2007/2008 dei Mastini, con l’attenzione rivolta a ogni singolo settore agonistico, dalla prima squadra al cosiddetto “Progetto Bambino – Scuola Hockey”.

Tre gli obiettivi principali a cui mira l’Hockey Club Varese, traguardi evidenziati dallo stesso d.s. giallonero: «Vogliamo riportare entusiasmo intorno all’hockey, far crescere i giovani talenti e disputare due campionati, Under 26 e Under 19, ad altissimo livello. L’Under 19 punta decisamente alla vittoria finale, i ragazzi di Malfatti (nella foto) potranno togliersi non poche soddisfazioni». Chiamato in causa, il neo-tecnico della prima squadra non si sbilancia e aspetta i verdetti del ghiaccio: «E’ un campionato che non conosciamo, ma sicuramente abbiamo allestito un’ottima squadra. Per il momento mi conforta la collaborazione con Milano, che porterà qui a Varese tanti giovani prospetti in rampa di lancio».

L’antipasto della stagione agonistica 2007/2008 si è consumato settimana scorsa con l’esordio dell’Under 16 (3-3 al cospetto dell’H.C. Trento). Da questo weekend tutte le altre squadre ritorneranno a incrociare i bastoni e a darsi battaglia per diversi mesi. I match casalinghi dell’Under 26 si disputeranno la domenica alle 19:30: resta un peccato la possibile concomitanza con le gare della Cimberio, ma c’è da scommettere che a suon di risultati gli atleti gialloneri conquisteranno il cuore di tanti, tantissimi varesini. Il passato ci guarda, il futuro è più vicino: in alto i cuori cari Mastini.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.