Il ministro Lanzillotta promette fondi per i comuni di confine

In una lettera del ministro degli affari regionali il primo riconoscimento all'associazione della quale fanno parte anche i comuni di confine del Varesotto

Si è riunita nei giorni 22 e 23 settembre l’associazione dei comuni di confine italiani venuta alla ribalta poco meno di un mese fa anche in provincia di Varese per volontà del suo presidente Marco Scalvini che ha chiesto ai comuni confinanti con la Svizzera di aderire. Nata come associazione di comuni confinanti con regioni  e province a statuto autonomo l’associazione ha voluto allargarsi ai comuni confinanti con la Svizzera. I sindaci delle amministrazioni varesine interessate hanno aderito con un certo entusiasmo e hanno partecipato in delegazione al convegno tenutosi a fine settembre.

L’obiettivo era contarsi e contare soprattutto sul tavolo di concertazione con il governo in vista della prossima finanziaria. Marco Scalvini, che è sindaco di Bagolino, conta su un’associazione che ora rappresenta più di mezzo milione di abitanti e la prima risposta dal governo è arrivata dal ministro dal ministro per gli affari regionali e le autonomie locali Linda Lanzillotta « Ho ricevuto una lettera del Ministro Lanzillotta
che assicura fondi e risorse in finanziaria per destinarli ai nostri Comuni –
dichiara soddisfatto il Presidente e Sindaco di Bagolino Marco Scalvini – è un
primo segnale di attenzione ma dalle parole vorrei subito i fatti. Chiedo un
incontro al Ministro urgente e immediato per spiegare la nostra rabbia e il
malcontento della nostra gente. Noi stiamo dando un esempio di vera
politica – continua Scalvini – con un forte segnale di democrazia, siamo
il popolo semplice che vuole risposte
concrete e si sente stanco di essere non solo il comune di confine ma anche il comune al confino».

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.