Il rischio carotideo al centro del congresso della SIPIC

Si svolgerà i prossimi 11 e 12 ottobre a Villa Toeplitz l'ottavo congresso della Società italiana della patologia carotidea e dell'ictus cerebrale ischemico

A diciotto anni dalla sua fondazione la SIPIC (Società italiana per lo studio della patologia carotidea e dell’ictus cerebrale ischemico), presieduta dal professor Gaetano Lanza,  si ritrova per il suo 8° Congresso , dal titolo  “ Prevenzione e Trattamento del Rischio Carotideo”, riproponendo in modo esplicito lo scopo principale all’origine della sua costituzione.

Quest’anno sarà presidente del congresso il professor Patrizio Castelli, dell’Università dell’Insubria, la sede sarà Villa Toeplitz e i lavori si terranno l’11 e il 12 ottobre.

La precisazione delle indicazioni al trattamento farmacologico e chirurgico delle lesioni carotidee, l’affinamento delle procedure diagnostiche,  l’introduzione di nuove procedure chirurgiche hanno reso la rivascolarizzazione carotidea uno degli interventi in assoluto più frequente nei dipartimenti chirurgici. Parallelamente l’ictus ischemico nel nostro paese ha raggiunto il non invidiabile primato di essere la prima causa di disabilità, la seconda causa di demenza, la terza causa di morte.

Il programma della giornata congressuale non poteva perciò prevede innanzitutto i contributi relativi alla individuazione dei soggetti a rischio e alla correzione dei fattori favorenti l’insorgenza dell’ictus ischemico, così come si stanno sviluppando attraverso le iniziative sia dei soggetti istituzionali ( Regione, ASL ) sia di enti e fondazioni onlus. Gli interventi a carattere strettamente clinico proporranno i risultati  delle diverse procedure di rivascolarizzazione e dei protocolli terapeutici volti a prevenire le recidive, in rapporto ai differenti quadri clinico-patologici.

Il Congresso sarà seguito dal Corso di Aggiornamento, organizzato in collaborazione con l’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Varese, sul tema “Trattamento dell’Ictus Ischemico in Fase Acuta”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.