Inizia la costruzione del nuovo obitorio

Cominciato l’abbattimento di due vecchi edifici dedicati alla manutenzione che lasceranno spazio alla nuova struttura. Costo complessivo di un milione di euro

Primo passo verso la realizzazione del nuovo Obitorio dell’Ospedale “Galmarini” di Tradate. E’ iniziata lunedì la demolizione dei due edifici, collocati nell’area ovest del presidio confinante con via Monte Nevoso, al posto dei quali sarà realizzata la nuova struttura. Il prossimo “step” sarà, a giorni, l’aggiudicazione dell’appalto per la costruzione del nuovo stabile.

Galleria fotografica

Nuovo obitorio a Tradate 4 di 8

Il nuovo Obitorio sarà dotato di quattro sale per l’esposizione delle salme e di un’area destinata agli operatori dove saranno collocate la sala per le autopsie, le celle frigorifere e altri locali tecnici, per un totale di 450 metri quadri, disposti su due livelli.

Il costo dell’intervento è di circa un milione di euro, cifra che comprende i lavori di costruzione, gli arredi e le attrezzature.

“E’ nostra intenzione – spiega il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Pietro Zoia – è quello di realizzare una struttura che risponda alle esigenze del territorio e  che possa disporre di decorosi ambiti di raccoglimento e di ritrovo per parenti e visitatori e di spazi e strutture adeguate per il lavoro degli operatori”.

La costruzione degli stabili abbattuti per far posto al nuovo obitorio risale al 1930: erano adibiti ad uso abitativo e successivamente sono stati trasformati in depositi per attrezzature e magazzini. Fino a poco tempo fa sono utilizzati come sede del Servizio di Manutenzione, trasferito presso l’ex sede C.R.I. in piazza XXIV Maggio, sempre all’interno dell’area ospedaliera. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 ottobre 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Nuovo obitorio a Tradate 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.