L’istituto Casula apre le porte alla Finlandia

Per una settimana, l'Itpa ospita diciassette studenti provenienti da Ekenas. «È importante - spiega la vicepreside - perchè si incontrano Nord e Sud dell'Europa»

Italiani e finlandesi, amici grazie alla Cina. È una storia altamente internazionale quella che si vive in questi giorni all’Itpa Casula di Varese dove sono in visita 17 ragazzi provenienti dal ginnasio di Ekenais, cittadina a un centinaio di chilometri da Helsinki.

A fare incontrare le due scuole è stato un altro scambio, con una scuola superiore di Pechino, in Cina. Qui, gli accompagnatori delle rispettive scolaresche hanno deciso di aprire anche questo canale di scambio, innovativo perchè mette direttamente in contatto il Nord e il Sud dell’Europa: «Per i nostri ragazzi è un’opportunità incredibile – spiega la vicepreside, nonchè accompagnatrice in Cina, Nicoletta Pizzato -La Finlandia è un paese molto lontano, di cui si sente parlare poco. Questo scambio ha portato i nostri ragazzi ad entrare in contatto con coetanei che, alla fine, hanno rivelato le stesse passioni, gli stessi pensieri».

Già stamattina, i ragazzi parlavano come amici di lunga data, grazie ad un anno di fitta corrispondenza con le e-mail e con "messenger" che hanno azzerato le distanze. 

Per questo primo incontro, che apre la via all’ennesimo scambio del Casula, oltre a Francia, Germania, Irlanda, Canada e Cina, gli studenti italiani hanno realizzato alcuni cartelloni in lingua oltre ad un party con specialità finniche.

Accompagna i ragazzi, tutti tra i 16 e i 17 anni, la docente di storia, innamorata del nostro paese: «Ho studiato un anno a Pavia ed è stato un periodo indimenticabile. Il vostro paese è così vario e ricco di reperti di storia antica. Avete il mare e i monti, i laghi, la pianura, tanti monumenti e una cucina ricca e deliziosa…».

«La Finlandia è un paese poco popolato - racconta la docente -nonostante sia grande, la popolazione è di soli 5 milioni di abitanti. Per noi, quindi, l’Europa è una grande opportunità per conoscere, condividere, confrontarsi. cco perchè è importante viaggiare e avere questi scambi a livello scolastico»

Galvanizzati da questo entusiasmo, i 17 ragazzi finlandesi, che fanno parte della minoranza svedese, hanno studiato per un anno il nostro paese: i monumenti, la cultura, usi e costumi, oltre alla cucina. Per la settimana di "vacanza-studio", l’Itpa ha messo a punto un programma che li porterà a Venezia, a Milano, sul lago Maggiore, ma anche al Sacro Monte e a Villa Panza a Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.