«La Croce Rossa Valceresio è un ambiente sano»

Gli operatori fanno una precisazione in merito all'articolo sul presunto "molestatore" che ha confessato a Radio Deejay

Riceviamo e pubblichiamo

Egr.Direttore,  
in merito all’articolo apparso oggi (giovedì 18 ottobre)  on-line titolato "Molestatore" confessa su Deejay, sono a precisarLe che è fattore del tutto secondario e irrilevante che l’imputato fosse all’epoca un ispettore della Croce Rossa di Arcisate, in quanto i fatti, qualora fossero dimostrati, rientrerebbero nella sfera di azione personale del soggetto e che nulla avevano che fare con i compiti che lo stesso svolgeva da volontario all’interno dell’Associazione.  
Ritengo doveroso tale precisazione al fine di tutelare tante persone, dipendenti e volontarie, che all’interno della Croce Rossa Italiana di Arcisate svolgono con dedizione la loro opera.  
Auspico che tale precisazione abbia, on-line, la stessa visibilità della notizia odierna.
 
Con i migliori saluti. 
C.R.I. Valceresio

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.