La cultura della qualità in un workshop di Univa

L’incontro si terrà giovedì 18 ottobre nella sede di Gallarate dell’Unione Industriali di via Vittorio Veneto

La qualità con la “Q” maiuscola, quella che porta con sé all’interno delle imprese dinamicità, competitività e una costante tensione al miglioramento. È questo il tema che sarà trattato durante il workshop organizzato dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese in collaborazione con Confindustria e con il contributo Deutsche Bank ed Eds.

L’incontro si terrà giovedì 18 ottobre, dalle ore 14.30 alle ore 17.30, nella sede di Gallarate dell’Unione Industriali, via Vittorio Veneto 8/D.
Questo workshop, intitolato “La Gestione Totale della Qualità”, rappresenta il quarto appuntamento del progetto di formazione e sensibilizzazione per sostenere la competitività dell’industria provinciale denominato “Imprese per l’Innovazione”. Partendo dal presupposto che l’innovazione è, prima di tutto, un approccio culturale e capacità di costruire scenari e strategie per crescere, l’obiettivo dell’Unione Industriali, in collaborazione con Confindustria, è quello di coinvolgere imprenditori e manager in un ciclo di cinque workshop spalmati su tutto il 2007, ai quali parteciperanno gli esperti delle migliori scuole di formazione e testimoni d’eccellenza del sistema imprenditoriale italiano e locale. I primi tre temi trattati durante gli appuntamenti di marzo, maggio e luglio sono stati quelli dell’innovazione attraverso l’uso efficiente delle tecnologie digitali, dell’innovazione nei processi di internazionalizzazione e del risparmio energetico come strumento di competitività.

Questa volta, invece, l’obiettivo è di approfondire temi, sempre più attuali per le imprese, legati alla qualità del lavoro e dell’organizzazione aziendale nel senso più ampio del temine. Da qui la scaletta degli interventi dei relatori che tratterranno argomenti come il Total Quality Management, il Lean Thinking, il Balanced Scorecard. Termini inglesi che definiscono strumenti in grado di supportare l’attività dei manager, contribuire al miglioramento dei risultati, promuovere l’innovazione organizzativa e produttiva. Perché la qualità come fattore competitivo non è legata solo al prodotto. Con un’accezione più ampia, infatti, può riguardare l’intera attività dell’azienda. Compresa la sua struttura gestionale. Dalle risorse umane fino ai processi produttivi. A parlarne sono stati invitati Italo Benedini, segretario generale dell’Associazione Italiana Cultura Qualità; Michele Bonfiglioli, amministratore delegato della Bonfiglioli Consulting; Alberto Bubbio, professore associato di economia aziendale all’Università Carlo Cattaneo – LIUC. Il caso aziendale, che sarà analizzato, riguarderà, invece, la BPC Silca Spa, e sarà presentato dal suo general manager, Corrado Fischer

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.