La Yamamay pronta al gran ballo della A1

Presentata al palasport la squadra di Parisi che domenica 7 esordirà nella massima serie. Il presidente Forte: "Organizzazione e cuore sono le nostre basi"

Ha l’eleganza della debuttante al primo ballo, ma pure la grinta di chi sa di non essere stata invitata per caso la Yamamay Busto Arsizio che domenica farà il suo esordio nella massima divisione nazionale. Di fronte, oltre alla prima avversaria Pesaro, tutto il gotha di una disciplina che ha appena dominato l’Europa e che si appresta a dare il benvenuto alla debuttante di casa nostra senza alcuno sconto.
Ma dalle parti di viale Gabardi vogliono fare le cose per bene: «Il lavoro non ci spaventa, siamo pronti alla sfida» è stata la frase usata dal direttore generale Massimo Aldera (che ha annunciato il lusinghiero accordo con lo sponsor Barclays) con cui è stato dato il via alla presentazione ufficiale della Futura Volley versione 2007/08, ieri sera (mercoledì) al PalaYamamay.

Galleria fotografica

Yamamay 2007/2008 4 di 17

Il club si è preparato per questa sfida a puntino. Squadra rinnovata ma non nuova vista la conferma di gran parte delle giocatrici che hanno conquistato la promozione, organizzazione societaria curata fin nei minimi dettagli, gruppo dirigente unito, innesti in campo di tutto rispetto. A questo proposito è bello segnalare che l’applauso più grande, durante la sfilata di presentazione, è andato a Serena Ortolani (foto sotto): la 20enne è appena arrivata a Busto tre giorni dopo la conquista dell’oro europeo ed è già stata investita dei crismi della "principessa", giusto o sbagliato che sia.

«Vivo il volley da 23 anni, ho attraversato la fase pionieristica ma ho capito che quella strada non basta» ha spiegato il presidente Michele Forte. «Per pensare in grande serve una società organizzata e preparata, composta però da persone che mettono il cuore in quello che fanno. Questa è una caratteristica di tutti i miei collaboratori, gente che vuol costruire qualcosa di grande per Busto. Non facciamo promesse irrealizzabili, ma quando abbiamo un obiettivo lavoriamo per realizzarlo».
Che si stia lavorando bene è confermato da Francesco Pinto, amministratore delegato di Inticom, ovvero dello sponsor. «A noi fa piacere che Yamamay sia diventato un modello di programmazione nell’ambito del volley. L’anno scorso, in occasione del mio "esordio sottorete", suggerivo di seguire l’esempio della Foppapedretti Bergamo ma oggi ho capito che Busto ha una strada propria e caratteristica. Detto questo – conclude Pinto – non scordiamo che i risultati rimangono fondamentali come basilare è avere un pubblico caldo e corretto come il nostro».

Intanto la squadra è pronta a partire: questa sera a Milano ultima amichevole contro la squadra locale (A2), antipasto goloso della Supercoppa Italiana. Sabato partenza per Pesaro, con un nuovo pullman biancorosso griffato Yamamay: altro piccolo segnale di attenzione verso l’eleganza, in attesa dei risultati: a quelli ci penseranno Parisi e le sue ragazze.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 ottobre 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Yamamay 2007/2008 4 di 17

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.