Le associazioni scendono in strada per dare voce al dialogo

Il Coordinamento Pace&Solidarietà ha organizzato un incontro all’ex Centro Culturale Islamico di via Peschiera tra la comunità islamica e le diverse associazioni

Il dialogo è interrotto? E allora scendono in strada le associazioni gallaratesi per dire con forza che se c’è la volontà si può parlare e dialogare, superando ogni tipo di barriera. «Abbiamo incontrato e conosciuto in diverse situazioni i nostri concittadini di religione islamica – si legge in una nota diffusa dal Coordinamento Pace&Solidarietà -. Abbiamo con loro sperato che una soluzione venisse trovata per risolvere infine la questione del centro culturale islamico, affinché anche nella nostra città potesse essere rispettato il dettato costituzionale che riconosce nello stato laico il diritto a professare le diverse religioni senza dovere subire discriminazione. Abbiamo chiesto, e a partire da noi direttamente agito, pratiche di accoglienza e integrazione. Abbiamo chiesto che per chiunque, al di là del credo religioso o del colore della pelle, valessero gli stessi doveri e gli stessi diritti. Oggi vogliamo ancora riaffermare la necessità del dialogo come unica strada possibile per costruire una rispettosa convivenza. Di fronte al fallimento delle istituzioni cittadine nell’affrontare il tema del Centro Culturale Islamico, la società civile non può restare passivamente a guardare, ma deve indicare la via. La via del confronto e del reciproco riconoscimento e rispetto». A testimonianza che il dialogo è sempre possibile, il Coordinamento Pace & Solidarietà di Gallarate ha organizzato giovedì 4 ottobre alle ore 21.30, presso l’ex Centro Culturale Islamico di via Peschiera, un incontro tra la comunità islamica e le diverse associazioni che operano a Gallarate con l’augurio che anche la politica istituzionale sappia ritrovare la medesima volontà di confronto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.