Liuc: Rebora lascia l’incarico di rettore

Dopo sei anni al timone dell'università Carlo Cattaneo il professore torna al semplice insegnamento, con pochi rimpianti e tante soddisfazioni alle spalle

Gianfranco Rebora (nella foto) lascia dopo sei anni di attività, anni di passione e di impegno alla costante ricerca del miglioramento continuo. Il rettore dell’Università Liuc di Castellanza rimarrà in carica fino alla fine dell’anno accademico, il 31 ottobre, per poi lasciare il timone della guida dell’ateneo a colui che verrà designato a metà mese dal consiglio di amministrazione. Un successore che «sarà all’insegna della continuità» dichiara Rebora, che rimarrà comunque all’interno dell’università come professore e come ricercatore, come per il progetto "Giovani imprese in crescita" in collaborazion con i giovani imprenditori di diverse zone italiane. «Dopo sei anni si tratta di un cambio fisiologico, naturale – commenta -, anche perchè in un università così piccola si corre il rischio di incorrere in una gestione troppo personalizzata». Pochi rimpianti, «qualche vincolo di troppo da un punto di vista normativo», tante soddisfazioni, «soprattutto per il successo ottenuto dai nostri laureati, che trovo in tutta Italia in posizioni di grande rilievo, e per la crescita dei giovani docenti, un fattore su cui dobbiamo puntare e investire con attenzione e sensibilità».

Un percorso quello del professor Rebora iniziato fin dalla nascita dell’università, quando ancora si trattava di una piccola realtà da costruire e da perfezionare. Ora, il meccanismo è partito ed ha ingranato, con le tre facoltà, i successi sono stati e sono tanti, e per il futuro si deve puntare soprattutto «sulla qualità, perchè ormai le linee di fondo ci sono e bisogna continuare a migliorare quello che già c’è. Un’ottimo risultato, ma bisognare sempre mirare più in alto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.