Malpensa: “Riportiamo al centro il territorio”

Un centinaio di persone hanno partecipato all'incontro voluto dalle sinistre nella sala Impero

Un incontro della sinistra per dare una voce unica sulla questione di Malpensa. Si sono ritrovati in poco meno di cento nella sala Impero a Gallarate per ascoltare Paolo Brutti, componente della Commissione Economica del Senato di Sinistra Democratica, Claudio Brovelli, consigliere comunale ed ex sindaco di Somma Lombardo, Maria Dolores Sessa del coordinamento Verdi per la pace e Vittorio Solanti, sindaco di Samarate, consigliere provinciale e membro del comitato politico di Rifondazione Comunista, moderati da Flavio Nossa della segreteria provinciale di Cgil. Una serata che gli organizzatori giudicano pienamente riuscita, un primo passo per riconsiderare il rapoorto dello scalo con il territorio: «Non si può lasciare il futuro di Malpensa al solo mercato – ha chiosato Nossa -. Questo aeroporto è nato per una scelta politica precisa, quella cioè di valorizzare Alitalia nel quadro di un accordo con Klm. Quando questo è crollato sotto le macerie, nè il governo di centrodestra nè la Regione hanno fatto nulla per ottemperare alle promesse fatte: da qui la mancanza di regole e la precarizzazione nel mondo del lavoro e la carenza di infrastrutture. Non sono nè Alitalia nè Sea che devono decidere del futuro dello scalo, questo deve essere chiaro. Malpensa senza Alitalia non sarà più un hub, ma un grande aeroporto intercontinentale da gestire: dobbiamo ripensare all’aeroporto mettendo finalmente al centro il territorio, bypassato in questi anni in ogni maniera».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.