Mare in tempesta: almeno quindici clandestini morti sulle nostre coste

Nella notte tra sabato e domenica almeno due imbarcazioni si sono rovesciate a Siracusa e Roccella Jonica. Si cercano ancora molti dispersi

Due tragedie del mare stanno sconvolgendo in queste ore le coste del nostro paese. In totale solo oggi sarebbero almeno 15 i clandestini morti nel tentativo di raggiungere i nostri litorali. La prima notizia riguarda un tentativo di sbarco sull’Isolotto nella riserva naturale di Vendicari, a sud di Siracusa. Un gommone con 17 persone è naufragato: otto i morti, sette i sopravissuti e due i dispersi. Le vittime sono di origini egiziane, di età compresa tra i 20 e i 30 anni. Tra loro forse un ragazzino di 15-16 anni. 

I clandestini salvati al momento non collaborano con le forze dell’ordine, rendendo complessa la ricostruzione dei fatti. Intanto le ricerche in mare sono ostacolate da una forte tempesta.

Il secondo drammatico scenario di uno sbarco è Roccella Jonica, in Calabria. Qui si è spezzata una barca in legno lunga venti metri, con 180 immigrati. Nella notte sono stati recuperati sette cadaveri e 25 feriti. Molti corpi sono stati spinti dal mare sulla spiaggia, sembrano clandestini di origine palestinese. 80 immigrati sono stati trasferiti al campo sportivo, 50 nei nosocomi per visite mediche. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.