Mrsic deluso: «Abbiamo completamente mollato»

Il tecnico croato preoccupato per la scarsa grinta dei suoi, mentre Pancotto festeggia: «Mentalità vincente»

Le urla di Cecco Vescovi provenienti dallo spogliatoio biancorosso giungono fino in sala stampa, dove Veljko Mrsic prova a spiegare i motivi dell’inatteso ko contro Udine all’esordio casalingo in campionato: «Questa sconfitta mi preoccupa un po’, perché a un certo punto abbiamo completamente mollato.  Con la Snaidero avanti è venuta a mancare la nostra fiducia e così Udine ha portato a casa l’incontro: sbagliare qualche tiro ci sta, ma non dobbiamo mai smettere di crederci. Loro hanno comunque meritato questa vittoria, perché se si lascia giocare atleti di questa esperienza con tale facilità è impossibile portare a casa due punti».

Una prestazione davvero negativa quella della Cimberio, incapace di reagire alla prepotenza friulana sia in difesa che in attacco: «Oggi abbiamo iniziato bene, poi però ci siamo disuniti giocando con troppa fretta. Non appena ci è mancata un po’ di precisione dalla distanza, siamo rimasti troppo a pensare su ogni singola scelta e la partita ci è scivolata via. Un vero peccato, perchè a Roma avevamo dimostrato che quando giochiamo come squadra sappiamo fare bene. In settimana analizzeremo bene questa partita, prestando attenzione ai nostri errori e lavorando su quelli».

Molto sereno, e non potrebbe essere altrimenti, il tecnico della Snaidero Cesare Pancotto, che torna a casa con due punti assolutamente meritati al termine di una prestazione davvero positiva: « Non era facile venire a vincere qua. Arrivavamo da una batosta (in casa contro Siena, ndr) che in qualche modo ci è servita per arrivare a Varese con la giusta mentalità. Abbiamo saputo sviluppare la partita sui quaranta minuti, e questo ci ha portato di recuperare la partita dal meno undici. Il nostro gioco sta migliorando, ma ci servirà ancora un mesetto per esprimere la nostra energia in maniera qualitativa e quantitativa».

Il tecnico di origine marchigiana non ha dubbi su quali siano state le chiavi tattiche per portare a casa l’incontro: «La nostra zona 2-3 ha mandato in crisi la Cimberio, ma siamo stati bravi anche in difesa senza dimenticare i tiri da tre. Dobbiamo ricordarci però che Varese giocava senza tre titolari che sicuramente hanno limitato le loro opzioni. Detto questo noi abbiamo cercato di fare la nostra partita, e il motivo principale della nostra vittoria è stato il fatto di non aver mai mollato anche quando eravamo sotto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.