Neonazi, i Pm: “Siamo sereni, continuiamo a lavorare”

Dopo le minacce alla procura clima sereno tra le toghe che si occupano di xenofobia e movimento nazional socialista

Serenità, lavoro e inchiesta tutt’ora in corso che potrebbe preludere a ulteriori sviluppi. Il giorno dopo la notizia delle minacce ai pm che indagano sulla costituzione di un movimento neonazista, il clima in procura è di calma apparente, e dagli uffici, il procuratore Maurizio Grigo, ribadisce quanto già espresso ieri: "Nessun allarme ma nessuna sottovalutazione". Ma i magistrati sono al lavoro e le lettere anonime che li minacciano evidentemente temono proprio un salto di qualità nell’inchiesta.
Finora sono state perquisite 47 persone, ma gli interventi mirati di un mese fa sono stati solo l’inizio di un lavoro investigativo alla ricerca di fatti, situazioni, legami, intrecci, riscontri in tutte le direzioni.
Le minacce vengono anche interpretate come il segno che l’inchiesta sta andando nella direzione giusta. "Vigilanza Democratica Territoriale", la misteriosa sigla che ha firmato le lettera anonima, avrebbe infatti messo intimati agli inquirenti di non andare troppo in là e la Digos ritiene che il messaggio sia sibillino: indagate pure ma state attenti e non mettere il naso dove non dovete.
Le indagini, ora, dovranno tenere conto dei due attentati incendiari che "Vdt" ha firmato contro Francesco Lattuada e la sua cooperativa, la Rivendell. Quest’ultima gestisce diverse attività commerciali nel varesotto, ma anche rifugi alpini fuori dalla provincia, tra cui quello che è stato distrutto lunedì sera a Rima San Giuseppe, Vercelli. Per quell’episodio si ipotizza l’uso di una o più taniche di benzina, ma al momento dal Piemonte non arriva notizia di indagati o fermati. Nel rogo è stata coinvolta anche la baita di un privato contigua a quella di Lattuada. Che oggi commenta: «Sono confuso, non so cosa stia accadendo, non capisco perchè abbiamo colpito quel rifugio. Non ho mai ricevuto richieste di pizzo o minacce»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 ottobre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.